Indietro
menu
Alle 21 in piazza Tre Martiri

Appello all'umano. Preghiera in piazza per il popolo armeno

In foto: una luce per la Siria
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 20 ott 2020 11:16
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
“Se si esclude un appello degli studiosi armenisti in Italia l’aggressione degli armeni cristiani del Nagorno-Karabakh sta passando sotto un vergognoso e complice silenzio, in Italia e in Europa. L’aggressione militare contro questo popolo da parte dell’Azerbaigian è iniziata il 27 settembre con l’appoggio dei soldati della Turchia di Erdogan, erede di quello Stato che già all’inizio del secolo scorso, senza mai riconoscerlo, compì un genocidio ai danni della popolazione armena”. Parte da questa premessa la scelta di Appello all’Umano per la tradizionale preghiera del 20 del mese. Quella di oggi, in programma alle 21 in piazza Tre Martiri, sarà dedicata a quel martoriato popolo.
Come il 20 di ogni mese – spiega il Comitato Nazarat – ripetiamo dunque questo momento di preghiera e testimonianza che si svolge ininterrottamente dal 20 agosto 2014. Sarà recitato il rosario e si leggerà l’appello testimonianza di Antonia Arslan, pubblicato recentemente dal mensile Tempi. Anche le consuete offerte che si raccolgono alla fine saranno destinate agli amici armeni che vivono ore drammatiche. Dal 27 settembre, giorno dell’inizio del conflitto, sono già morte 300 persone.
Nel manifesto è riportata la frase del cardinale Vinko Puljic, arcivescovo di Sarajevo, pronuncio nell’agosto di due anni fa. “L’Europa deve riscoprire le proprie radici cristiane, la propria identità cristiana. Soltanto così non dovrà temere il radicalismo islamico“.