Indietro
menu
ridotta per contenere cinghiali

Oasi Montebello. Il comitato chiede ripristino, riduzione non è servita

In foto: l'oasi di Torriana
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 24 set 2020 12:52
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’Oasi è stata ridotta per limitare la pressione dei cinghiali sui terreni agricoli, ma con le braccate dentro ai vecchi confini sono stati uccisi gli stessi capi dell’anno prima e gli animali in fuga si sono distribuiti su tutto il territorio“. Parte da questa premessa la richiesta del comitato per l’Oasi di Torriana Montebello di ripristinare l’area alle sue dimensioni originali. Il comitato ha incontrato il sindaco di Poggio Torriana e ora chiama a raccolta tutti i primi cittadini della Valmarecchia perché facciano pressione sulla Regione Emilia Romagna che aveva deciso di ridurre l’area protetta di circa i 2/3.

Il fine di quella scelta – spiegano Riccardo Santolini, Daniele Amati, Giancarlo Zoffoli, Nicoletta Ventimiglia del comitato – era quello della riduzione della pressione dei cinghiali sui terreni agricoli. E quindi sono innegabili – proseguono – il fallimento, il danno e il mancato confronto che a nostro parere pongono l’obbligo di ripensare quella sciagurata decisione”.

A conforto di questa tesi il comitato presenta i numeri degli abbattimenti di cinghiali: “nella stagione venatoria 2018/2019 con i confini dell’Oasi ancora intatt sono stati 1.051, a fronte dei 1.053 della stagione venatoria appena conclusa. Praticamente gli stessi capi abbattuti, nonostante si siano svolte braccate con continuità dentro ai vecchi confini dell’Oasi, anche in prossimità del Santuario della Madonna di Saiano, addirittura in concomitanza con le festività più sacre. Oltretutto, i cinghiali cacciati dall’Oasi si sono distribuiti nella pianura coltivata con maggiori danni all’agricoltura”.

Siamo sconcertati dal comportamento della Regione – dicono -. Abbiamo chiesto all’Assessorato regionale competente di rispettare gli impegni assunti dallo stesso prima delle elezioni, ma la nostra motivata richiesta non ha ricevuto risposta, così come i solleciti successivi”.

Il Comitato avanza alcune proposte per risolvere il problema dei cinghiali.

  • Autorizzare gli agricoltori di Torriana e Montebello alla cattura dei cinghiali con chiusini, che si è rivelato essere più efficace e viene adottato nei territori con particolare valenza ambientale come Oasi e Parchi;
  • Togliere i limiti di capi abbattuti con i metodi selettivi delle altane;
  • Assunzione da parte della Regione Emilia Romagna di un provvedimento limitativo per la sospensione della caccia ai cinghiali con metodo della braccata in tutto il territorio originale dell’Oasi (LR 15/02/1994 n. 8 Art. 51);
  • Aprire un vero confronto con Regione Emilia Romagna, Provincia di Rimini, Comuni e cittadini del territorio per decidere in merito al ripristino dei confini originali dell’Oasi di Torriana Montebello.

Nel caso in cui – concludono – i punti trovassero consenso, chiediamo ai sindaci dell’Unione di farsi promotori di un tavolo di confronto con la Regione e la Provincia. Al momento rimaniamo in attesa di ricevere cenni di risposta, non solo per noi, ma per riuscire a dire qualcosa alle generazioni future che ci hanno prestato questo territorio”.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
di Simona Mulazzani   
VIDEO