Indietro
menu
Intervista al sindaco

Inaugurata la palestra a cielo aperto sul Parco del Mare

In foto: foto di gruppo all'inaugurazione della palestra all'aria aperta
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
sab 1 ago 2020 13:17 ~ ultimo agg. 2 ago 12:21
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La sinergia tra Comune di Rimini, Dipartimento QUVI, Agenzia Piano Strategico, Wellness Foundation, Unirimini spa e Around Sport srl ha portato ad inaugurare oggi la prima “palestra a cielo aperto” sul primo tratto del nuovo Parco del Mare di Rimini, all’altezza del Bagno 20. “Il lockdown ha causato qualche ritardo visto che il legno del nuovo lungomare viene dal Brasile – spiega il sindaco Gnassi – ma Rimini è in piena rivoluzione: Torre Pedrera oggi è un giardino sul mare, Viserba ha il suo salotto e stiamo arrivando a Rivabella e poi ci sono i lavori a Miramare. Questo è il lungomare più bello del mondo.” “A settembre – prosegue Gnassi – il primo tratto si allargherà verso monte, verso gli alberghi e poi, mentre lavoreremo al Piano spiaggia, verso sud, verso gli altri tratti del lungomare.” Il primo cittadino minimizza anche il tema parcheggi: “li abbiamo contati uno a uno e, nel tratto tra il bagnino 8 e il 28, ce n’erano un centinaio. Lo stesso numero che recupereremo poco più in là. Devono cambiare le abitudini: chi può venire al mare in bici deve farlo per lasciare posti auto a chi invece non può farlo.

La nota stampa

Questa mattina il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi e Pierluigi Alessandri, vicepresidente e cofondatore di Technogym, oggi leader mondiale nei prodotti e servizi per il Wellness e la riabilitazione, hanno voluto essere presenti all’apertura al pubblico di questo nuovo prodotto, studiato e realizzato per l’esercizio fisico all’aperto, capace di far incontrare sul nuovo scenario della città leader del turismo nazionale e internazionale benessere e ambiente, wellness e Parco del mare, la nuova struttura urbana che sta radicalmente modificando l’accesso al mare e al suo utilizzo.

“Questa è un’isola dentro ad un progetto grande – ha detto il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi presente questa mattina al momento inaugurale con l’asssessore allo Sport Gian Luca Brasini e l’assessore ai lavori pubblici Jamil Sadegholvaad – che parte da questa regione leader nel mondo nella manifattura e negli stili di vita che qui sono capaci d’incontrarsi e crescere tracciando modelli di riferimento e tendenza. Storia e storie di passione e di tenacia perché è qui e non solo in California che nei garage e nelle cantine sono nate e nascono grandi idee capaci di farsi largo nel mondo come appunto Technogym.

Rimini sta al cambiamento e non ha nessuna intenzione di subirlo. 16 km di waterfront, da Torre Pedrera a Miramare, che cancellano lamiere e asfalto per trasformarsi in isole e strade dedicate al verde, alla natura, alle qualità del proprio mare e al benessere perché è al benessere che è legata la nostra storia che nasce dalla geniale intuizione dei fratelli Baldini nel 1843 quando il mare oscuro e grigio si trasformò con il nuovo stabilimento dei bagni in luogo del benessere e Rimini da città sul mare a città di mare. State un attimo in silenzio – ha proseguito il sindaco Gnassi – e sentirete l’odore del mare capace di miscelarsi con quello resinoso dei pini e del verde che ora al posto dell’asfalto ci circonda con una botta d’orgoglio ma anche di passione, di testa e di tenacia.

Questa è Rimini, questa è la sua storia, questo è il suo futuro. A settembre questo tratto si allargherà verso monte, verso gli alberghi e poi, mentre lavoreremo al Piano spiaggia, verso sud, verso gli altri tratti del lungomare.”

“Passione e tenacia – ha ripreso nel suo saluto Pierluigi Alessandri, vicepresidente e cofondatore di Technogym – un elemento distintivo della nostra terra che siamo orgogliosi di aver raccolto con questo progetto che sceglie Rimini e la Wellness Valley per l’anteprima mondiale di questo nuovo prodotto studiato e realizzato da Technogym per l’esercizio fisico all’aperto. Un’idea che quando il Sindaco Gnassi mesi fa ce la raccontava sembrava incredibile ma che ora è qui, alle nostre spalle, a disposizione di tutti coloro che amano muoversi con davanti agli occhi il mare. Ed è per questo che siamo orgogliosi di essere oggi qui insieme ai partner con cui continueremo un cammino appena iniziato.”

Assieme al Sindaco Gnassi e al vicepresidente Neri, infatti, erano i rappresentanti degli enti partner, l’Università di Bologna col suo Dipartimento di scienze per la qualità della vita, Uni.Rimini, il presidente dell’Agenzia del Piano strategico di Rimini Maurizio Ermeti.

Accanto all’hardware con l’apertura al pubblico di oggi prende il via anche il “software” del progetto Wellness del Parco del Mare. Fino al 15 ottobre infatti l’isola di allenamento sarà presidiata e animata dagli studenti di Scienze Motorie dell’Università di Bologna – Campus di Rimini che guideranno i visitatori – riminesi e turisti – nelle varie possibilità di esercizio e li informeranno sui benefici del Wellness Lifestyle e sulle attività del Parco del Mare. Infine, il pubblico potrà trovare le attività sport e benessere del Parco del Mare sulla Wellness Valley app, la piattaforma digitale scaricabile gratuitamente da ogni smartphone e grazie alla quale è possibile tenere traccia della propria attività fisica e fruire di proposte e idee di allenamento per ogni livello di preparazione.

Un’iniziativa si inserisce nel più ampio progetto Wellness Valley, la visione di Nerio Alessandri, che mira a creare in Romagna il primo distretto del benessere e della qualità della vita al mondo, con impatti positivi sul territorio sia dal punto di vista economico e turistico sia dal punto di vista sociale e della salute dei cittadini.

Da un punto di vista tecnico infatti l’installazione Technogym, in coerenza con l’intero progetto del Parco del Mare, mette al centro la sostenibilità di lungo periodo grazie all’utilizzo di materiali quali inox, alluminio e cemento che garantiscono lunga durabilità nel tempo, riparabilità, riciclo e alta protezione contro l’usura da utilizzo intenso e l’erosione da agenti atmosferici, da ambiente marino e da escrementi di animali.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione