Indietro
menu
Sicurezza e decoro

Renzi (FdI) chiede presidio forze dell'ordine nel piazzale della stazione

In foto: il piazzale della stazione di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 4 lug 2020 15:44 ~ ultimo agg. 15:45
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Va istituito un presidio di Polizia Locale e Forze dell’Ordine per garantire sicurezza e decoro nel nuovo piazzale della Stazione ferroviaria di Rimini. A chiederlo è il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Gioenzo Renzi.

Nonostante l’ingente somma investita per la riqualificazione e la trasformazione urbana dell’intera area – evidenzia –, purtroppo, davanti alla Stazione continua lo “spettacolo”: balordi, ubriachi, nullafacenti “sdraiati a terra”, malavitosi e anche spacciatori, che con l’espletamento dei propri bisogni corporali, il vomito, le risse, urla, furti, degradano il nuovo Piazzale d’ingresso della città.
Si ripresenta la “solita” situazione di “indecenza”, di “insicurezza”, senza rispetto per le migliaia di cittadini e turisti che ogni giorno usufruiscono della Stazione di Rimini, del trasporto pubblico, del servizio taxi”.  Uno scenario “non è ammissibile” secondo il consigliere che ha presentato una interrogazione proprio per chiedere all’amministrazione “di istituire un Presidio della Polizia Municipale, per il rispetto del Regolamento di Polizia Urbana, riguardo i comportamenti vietati su un luogo pubblico e dell’Ordinanza del Sindaco che vieta il consumo di alcolici sul suolo pubblico, proprio davanti alla Stazione. Per dare continuità ed efficacia al Presidio a sostegno della legalità e sicurezza, ritengo opportuno il supporto delle Forze dell’Ordine e dell’Esercito, coinvolgendo il Prefetto e il Comitato per la Sicurezza e l’Ordine Pubblico sulle “criticità “dell’area Stazione“.
Renzi allarga le sue considerazioni anche all’adiacente parcheggio, ampliato da 183 a 478 posti auto, ad opera della Società delle Ferrovie “Metropark” che “deve avvenire, rispetto al passato, in migliori condizioni di vigilanza e sicurezza per gli utenti. E’ importante, oltre la sicurezza, sostenere la qualità ambientale: il nuovo e vasto piazzale, non può essere già imbrattato, occorre che sia pulito e curato quotidianamente e con scrupolo da Hera e Anthea“.
Renzi chiede che l’amministrazione in sinergia con FS si occupi di una serie di interventi. In primis, dice, devono essere rimosse le “barriere stradali” mobili “con la definizione delle corsie stradali per il trasporto pubblico e privato, per agevolare l’accessibilità e transitabilità davanti la Stazione“. Inoltre “la spaziosa superficie con asfalto rosso all’angolo del Bike Park può essere attrezzata con le rastrelliere per il parcheggio bici, eliminando le infelici rastrelliere sull’aiuola verde spartitraffico di Via Dante.” Il consigliere chiede anche che “il prefabbricato della Cooperativa Taxisti, dopo tanti traslochi, sia sistemato definitivamente, in un luogo funzionale per l’attività lavorativa e per l’accesso dei clienti“.
Infine sollecita, dopo la demolizione dell’ex Kebab di Viale Cesare Battisti, la valorizzazione dell’area verde dei Giardini della Stazione.
Aspettiamo entro l’anno – conclude –, che Rete Ferroviaria Italiana (RFI), avvii i lavori di riqualificazione del Sottopassaggio del Grattacielo, con l’abbattimento delle barriere architettoniche, la video sorveglianza, e l’apertura a mare della Stazione, con il prolungamento del sottopasso centrale fino al Giardino “Vittime delle Foibe”“.