Indietro
menu
il grazie del comune

Una catena alimentare di solidarietà

In foto: cozze e vongole per la caritas
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 1 mag 2020 13:01
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le cucine di Caritas, Associazione Papa Giovanni XXIII e di alcune Parrocchie riminesi si riempiono grazie alla generosità di tante imprese e all’impegno di raccolta della protezione civile di Rimini. Prodotti da forno, cozze e vongole, pesce fresco, piadine, frutta, che arricchiscono i menù giornalieri per i più bisognosi.

Un afflato generoso e disinteressato se non al bene comune – è il commento dell’assessore alla protezione civile Anna Montiniche ci permette di dare quotidianamente risposte a esigenze primarie dei nostri concittadini. Ed è per questo che, a nome dell’Amministrazione comunale, vogliamo ringraziare pubblicamente questi esempi di generosità. Qualcuno dice che la beneficienza si fa in silenzio, ed è verissimo. Però se non comunicassimo alcunché potrebbe sembrare che non si stia facendo nulla, e forse chi vuole donare non saprebbe come aiutare chi ha bisogno di una mano. Un grazie profondo, quindi, a Bio’s Merenderia di Cervia, per le confezioni di prodotti da forno forniti come grissini, fette biscottate, crackers, biscotti, schiacciatine, pane gastronomico, al Consorzio Mitilicoltori dell’Emilia-Romagna per le cozze, alla Coop lavoratori del Mare per le 25 cassette di pesce, al consorzio per la gestione della pesca dei molluschi bivalvi di Pesaro per le vongole, a Riccione Piadina e Riviera Piada per le confezioni di piadina, all’Istituto per la Famiglia per la tanta frutta, a Golfera per le confezioni di salumi, e, come sempre a Il Melograno per la verdura, all’ipermercato Conad Le Befane; a Il Forno di via Giuliani, a Paolo Piraccini e tutta la sezione Alpini emiliano romagnola, a Dalba dolciumi di Gatteo a mare, a Sanfang Huang (Alessandro) ai tanti donatori che hanno voluto rimanere nell’ombra. Grazie, infine, ai volontari del gruppo comunale di Protezione Civile per il grande lavoro che
stanno facendo.