Indietro
menu
dopo l'esposto delle figlie

Muore a 79 anni nella casa di riposo, aperta un'inchiesta

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 6 mag 2020 12:06 ~ ultimo agg. 7 mag 07:35
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Al momento c’è un solo esposto presentato dalle figlie di una donna di 79 anni morta per coronavirus all’interno della residenza per anziani Valloni (gestita da una cooperativa) a Rimini, ma presto potrebbero farsi avanti altri familiari di anziani deceduti sempre a causa del virus in altre strutture della provincia.

Le figlie della vittima, attraverso gli avvocati Gian Luca Brugioni e Matteo Zucconi, vogliono capire se dietro la morte della loro mamma ci siano delle responsabilità da parte dei gestori della struttura. Se siano stati adottati tempestivamente tutti i dispositivi di protezione e messi in atto i protocolli anticontagio indicati dalle autorità sanitarie. E’ per questo che la procura della Repubblica di Rimini ha aperto un’inchiesta, al momento contro ignoti, per omicidio colposo. Un atto dovuto, ma che non si esclude possa avere sviluppi in tempi brevi.

Ad occuparsi del caso saranno i Nas di Bologna, guidati dal colonello Umberto Geri, che nelle prossime ore dovrebbero acquisire le cartelle cliniche o la documentazione medica relativa alla 79enne deceduta. Una strage silenziosa, quella avvenuta in molte residenze per anziani di tutta Italia, che ha scosso il Paese e sta spingendo figli e parenti delle vittime ad andare fino in fondo.

Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.