Indietro
menu
Coordinata dall'Ammistrazione

Lavoro agricolo. A Santarcangelo una banca dati su domanda e offerta

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 28 apr 2020 11:31 ~ ultimo agg. 11:48
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’incontro tra domanda e offerta è un passaggio fondamentale per il rilancio del settore agricolo, sia per la produzione che per la manodopera. Alla luce di questa considerazione, il sindaco di Santarcangelo Alice Parma ha invitato Cia, Coldiretti e Confagricoltura in Municipio per un confronto, che prenderà il via nei prossimi giorni, finalizzato all’istituzione di una banca dati della domanda e dell’offerta di lavoro nel settore agricolo.

“Il settore soffre in questo momento una grave crisi, determinata anche dalla carenza di manodopera – spiega il sindaco – e dovrà essere capace di reinventarsi assicurando la salvaguardia di due principi fondamentali rispetto ai quali non è mai possibile derogare: la dignità del lavoro e la qualità dei prodotti. L’opera di contrasto al caporalato intrapresa con la legge approvata nel 2016 dovrà essere proseguita e approfondita di pari passo con un confronto sul contratto collettivo nazionale, che faccia emergere le situazioni ancora troppo numerose di lavoro sommerso anch’esse lesive dei diritti di chi è impiegato nella filiera.

Allo stesso modo – prosegue il sindaco – non sarà possibile derogare sul rispetto delle normative in fatto di qualità del prodotto, che tanti risultati hanno portato in questi anni: basti pensare alla tutela delle tipicità locali, al divieto di utilizzo di agenti chimici nocivi e alle prescrizioni relative all’agricoltura biologica.
In questo contesto, come Amministrazione comunale guardiamo con grande interesse all’iniziativa “I prodotti dal campo alla tavola”, portata avanti a livello nazionale dalla Cia – Agricoltori italiani per mettere in comunicazione domanda e offerta di prodotti agricoli attraverso una piattaforma online che prevede anche la consegna a domicilio”.