Indietro
venerdì 3 aprile 2020
menu
Tiro con l'Arco

Record di iscritti per il 6° Italian Challenge a RiminiFiera

In foto: Marcella Tonioli
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mar 18 feb 2020 18:57 ~ ultimo agg. 19:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Riuscire ancora una volta nell’impresa, tutt’altro che scontata, di abbinare quantità a qualità e contenuti tecnici. L’Italian Challenge di Rimini ha di nuovo fatto centro: la gara a coppie miste, inserita nel calendario internazionale World Archery per arco olimpico e compound ed interregionale per arco nudo, giunta alla sesta edizione, è infatti al gran completo dopo aver raggiunto già da qualche giorno i 520 iscritti (ad abbattere il numero record di cinquecento partecipanti dello scorso anno). L’appuntamento è per la giornata di venerdì 21 febbraio nei padiglioni B5-D5 di RiminiFiera, location ideale per manifestazioni sportive che per dimensioni e numeri di adesioni non possono essere ospitate all’interno di un palazzetto dello sport. E in effetti è qualcosa da Guinness dei Primati una linea di tiro con ben 130 paglioni per i bersagli, che accoglierà poi sabato 22 e domenica 23 febbraio i protagonisti della 47esima edizione dei Campionati Italiani indoor, con in gara – come sempre – i migliori arcieri della Penisola, con tantissimi atleti nel giro delle Nazionali dell’olimpico, del compound e dell’arco nudo.

TANTI CAMPIONI ALL’ITALIAN CHALLENGE – Molte sono quindi le coppie da tenere d’occhio nel ricurvo, ad iniziare da quella formata da Marco Morello e Chiara Rebagliati, finalisti nel 2019 quando si imposero Marco Seri e Annalisa Agamennoni, binomio del Medio Chienti. Non nasconde le proprie ambizioni anche il mixed team – questa specialità farà il suo esordio proprio alle Olimpiadi di Tokyo 2020, fra cinque mesi – formato da Tatiana Andreoli (argento al “Roma Archery Trophy” di dicembre, tappa delle Indoor Series) e il bolognese Federico Musolesi, presente e futuro della Nazionale, che vivono al Centro federale di Cantalupa e si allenano regolarmente insieme. I pretendenti a un ruolo di primo piano, comunque, non mancano, dai fratelli Claudia e Massimiliano Mandia, entrambi nazionali azzurri (Claudia è reduce dal 4° posto individuale nelle Finali Indoor Series di Las Vegas) vincitori nell’edizione 2017 e bronzo l’anno successivo, al duo Lucilla Boari, titolare alle Olimpiadi di Rio 2016 e candidata a quelle di Tokyo 2020 dopo che l’estate scorsa ha ottenuto per l’Italia il pass individuale femminile vincendo l’oro nel mixed team con Mauro Nespoli ai Giochi Europei di Minsk, e Simone Guerra, junior che fa parte della Scuola federale ed è full time a Cantalupa, recente protagonista nella tappa Indoor Series a Nimes. O ancora i binomi Tanya Giaccheri-Mark Mikhylovskiy, David Pasqualucci al fianco della estone Reena Parnat, mentre sognano il colpo grosso anche alcuni azzurrini, reduci dal raduno della Nazionale junior di arco olimpico a Rovereto (13-16 febbraio), tra cui le coppie Matteo Balsamo-Karen Hervat, Elia Biscardo-Elisa Ester Coerezza e Francesco Gregori-Aiko Rolando. Sarà sicuramente uno degli osservati speciali il giovane atleta dell’Arco Club Riccione, in tandem con l’azzurrina che fa parte della Scuola Federale di Cantalupa, vincitrice due anni fa (la piemontese era reduce dall’oro iridato a squadre Junior a Yankton) al fianco di Antonio Vozza, prevalendo alla freccia di spareggio su Federico Musolesi e Lucilla Boari.

AZZURRI IN PEDANA IN COMPOUND E ARCO NUDO – In riva all’Adriatico, nell’evento organizzato dalla società Arco Club Riccione – in testa il presidente Raimondo Luponetti e il segretario Andrea Bertolino – in sinergia con il comitato regionale Fitarco presieduto da Lorenzo Bortolamasi, linea di tiro con tanti grandi interpreti anche nella specialità compound dove tra le squadre iscritte spicca quella formata da Andrea Leotta e Marcella Tonioli. La concorrenza per loro sarà comunque di alto livello con coppie del calibro di Bazzichetto-De Angeli, Anastasio-Brunello, Roner-Fregnan, Ibba-Ret, Bruno-Spano e Franchini-Seimandi, vincitori lo scorso anno (superando in finale allo spareggio proprio Ibba-Ret).

Interessante anche la gara di arco nudo con alcuni azzurri in campo, tra questi Daniele Bellotti e Cinzia Noziglia, intenzionati a ripetere il successo colto nella precedente edizione dell’Italian Challenge battendo nella finalissima Ferruccio Berti ed Elisa Passiatore, Pittaluga-Vannini, e la famiglia Carrasco che schiererà Anna e Francesco.

C’è poco da girarci intorno: saranno tre giorni intensi e ricchi di emozioni nella città di Federico Fellini, dove si è appena celebrato il 100° anniversario della nascita del Maestro.

GARE IN DIRETTA STREAMING, POI SU RAI SPORT – Le frecce di Italian Challenge e Campionati Italiani Indoor di Rimini avranno, come al solito, ampia visibilità mediatica. Per i tre giorni di gare YouArco, canale ufficiale Youtube della FITARCO, trasmetterà in diretta streaming le competizioni. I Tricolori indoor avranno poi come vetrina Rai Sport, che nei giorni successivi all’evento manderà in onda un’ampia sintesi delle finali.

Per consultare elenco qualificati e programma dei Campionati Italiani Indoor: http://www.fitarco-italia.org/circolari/232020CIIndoorElencoQualificatieProgramma.pdf

Notizie correlate
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini   
di Andrea Turchini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna