Indietro
menu
Tempistiche e modalità

Sette beni del Comune di Rimini in vendita

In foto: la scuola di Santa Cristina
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 10 gen 2020 12:32 ~ ultimo agg. 11 gen 12:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 3.732
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono sette i beni immobili di proprietà che il Comune di Rimini sta mettendo all’asta. Sette, fra fabbricati ed aree di cui una edificabile, siti in diverse parti della città, il cui valore complessivo posto a base d’asta è di € 932.482.

Si tratta dell’ex scuola elementare a Santa Cristina (112.122 il valore a base d’asta) trasferita in proprietà al Comune dallo Stato in attuazione della normativa sul federalismo demaniale e di sei terreni, alcuni dei quali pervenuti in proprietà al Comune in esecuzione della normativa repressiva dell’abusivismo edilizio e ora, dopo la demolizione degli abusi, messi in vendita per essere restituiti all’originaria legittima destinazione. Si tratta di terreni in zona San Lorenzo in Correggiano (88.560 euro), in via Copenaghen a Miramare (592.200 euro), in via Montechiaro (48.700 euro), in via Gaza (7.200 euro) e in via Calastra (9.000 euro).

Per l’aggiudicazione e la definitiva alienazione degli immobili di proprietà comunale si procederà in seduta pubblica il 27 febbraio alle ore 9 presso il Settore Internal Audit e Patrimonio di via Rosaspina 7, mediante un’asta pubblica con il metodo delle offerte in busta chiusa, secondo le modalità di legge.

La puntuale descrizione dei beni, comprensiva della documentazione fotografica e catastale, è pubblicata nella sezione “altri avvisi per procedure non disciplinate dal D.Lgs. 50/2016” presente sul sito istituzionale del Comune di Rimini https://www.comune.rimini.it/comune-e-citta/comune/gare-appalti-e-bandi/avviso-201955

L’ex scuola elementare ubicata in Via S. Cristina n.149 in località Santa Cristina; è un immobile, attualmente in stato di abbandono, realizzato negli anni ’30 e completamente ricostruito dopo gli eventi bellici, alla fine degli anni ‘50. Insiste su un lotto di mq. 1.140 ed è costituito da un fabbricato principale composto da due piani fuori terra ed un piccolo manufatto secondario ad uso ripostiglio. Il fabbricato è costituito da due unità immobiliari ad uso abitativo poste al piano primo, mentre il piano terra ha destinazione scolastica che può essere convertita in residenziale collegata alle unità immobiliari del piano primo.

Tra i terreni quello di maggior valore (592.200 euro la base d’asta) è quello  edificabile che si trova a Miramare tra le Vie Dublino, Londra e Copenaghen la cui estensione raggiunge la superficie catastale di mq. 820.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
di Redazione