lunedì 24 febbraio 2020
menu
Basket D

Rose&Crown Villanova Tigers, a Bologna per ripartire

In foto: Coach Rustignoli e Thomas Calegari
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 10 gen 2020 18:02
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

I Tigers vantano ancora due punti di vantaggio sulla zona calda (Villanova a quota 10, insieme alla Pol. Stella), caldissima dei playout di serie D, ma hanno tutta l’intenzione di provare ad allontanarsi quanto prima dalle sabbia mobili della bassissima classifica del girone B.

Una buona notizia in questo c’è, e la spiega il coach del Rose&Crown Villanova, Rustignoli.
“Per la prima volta quest’anno, ci siamo allenati al completo. Certo, durante le festività la preparazione è stata a scartamento ridotto, anche a causa dei lavori per il nuovo parquet della palestra di via don Sturzo, e non ci siamo allenati come avremmo voluto, ma perlomeno siamo a ranghi completi”.

Manca Manlio Giordani: la giovane ala (classe 2000) sta cercando una sistemazione temporanea fino a fine anno per giocare con più continuità, ma per il resto gli infortunati Saccani e Michele Rossi sono al loro posto, Bronzetti è tornato da un viaggio, e anche Andrea Buo si è ripreso da un leggero acciacco, come pure sta meglio il pivottone Thomas Calegari, sempre alle prese con problemi alla schiena.

“L’impegno da affrontare domani (sabato 11 gennaio, palla a due ore 18.30) è di quelli più difficili: facciamo visita a Castiglione Murri, squadra giovane ma ben allenata, composta di ottimi giocatori e saldamente in zona playoff da inizio stagione (18 punti), e non per caso: gioca bene a basket, anzi esprime una delle migliori pallacanestro di questo torneo”.

Andando sui singoli, coach “Rusti” spende una parola sul marcatore principe dei bolognesi, quel “Buriani che vanta una pericolosità offensiva molto importante. Ma senza dimenticare altre punte di diamante quali Varotto e Melino, da tenere d’occhio”.

Che partita sarà? “Noi Tigers dovremo andare per fare una gara tosta, collegata e dura. Il risultato sarà solo la conseguenza dell’atteggiamento che metteremo in campo. Durante le vacanze abbiamo lavorato anche per cambiare qualcosa nella nostra faccia e fare cose anche diverse da quelle messe in campo finora. Oltre a un diverso atteggiamento tecnico, mi aspetto un differente atteggiamento mentale”.

Il coach è convinto: “Possiamo giocarcela su tutti i campi lo abbiamo dimostrato. La palestra Pertini è uno di questi. Più che contro nostri avversari, è importante giocare per noi stessi, per rimetterci in moto in vista di un girone di ritorno duro difficile, con trasferte importanti da cui vogliamo uscire con l’obiettivo stagionale: la salvezza”.

Notizie correlate
di Roberto Bonfantini   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna