Indietro
domenica 7 marzo 2021
menu
L'arrivederci del capitano

Rimini Calcio. Il saluto di Francesco Scotti: "il mio non è un addio e neppure un abbandono"

In foto: Il tributo della Curva Est a Francesco Scotti
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 4 gen 2020 17:17 ~ ultimo agg. 5 gen 18:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 1.483
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un messaggio di saluto che è una lunga lista di grazie. Francesco Scotti conferma (ma non c’era bisogno di conferme) come la città di Rimini ed i colori biancorossi siano entrati nel suo cuore (e non solo per lo scudetto della Rimini Calcio che si è tatuato sul petto). Scotti, bandiera in un calcio nel quale di bandiere non ce ne sono quasi più, non dice addio, ma arrivederci. E sprona i tifosi a restare vicini alla squadra.

Ecco il testo della lettera aperta di Francesco Scotti.

“Voglio dirvi solo una parola che però ha un gran significato: GRAZIE!
Grazie ad ognuno di voi. A voi tifosi della curva, dietro la mia porta. A voi tifosi del nostro Rimini. Grazie degli applausi, delle critiche, di esserci stati con il sole, con la pioggia, nei momenti belli ed in quelli più bui.

Grazie a tutti, a quelli di cui conosco il nome ed a quelli che non ho conosciuto. Grazie per esserci sempre stati come ci sono sempre stato anche io. Grazie a chi ha sofferto con me e chi mi ha aiutato, supportato e sopportato. Grazie ai dirigenti, a tutti i miei compagni di oggi e di ieri, ai presidenti, agli allenatori, ai magazzinieri, ai massaggiatori, ai dottori, ai fisioterapisti, agli addetti stampa, alla biglietteria, agli autisti dei pullman, a tutte le persone che ho incontrato in questi anni. Grazie ai giornalisti, alle radio, alle TV. Grazie a chi, in questo momento così emotivamente convulso per me, non ho menzionato. Non siete meno importanti degli altri. Ognuno di voi ha lasciato qualcosa di importante in me.

Ho un tatuaggio sul cuore assieme ai miei grandi amori. E lo porto con orgoglio vero. È il Rimini. Qui ho scelto di fare crescere le mie figlie. Qui ho scelto di vivere perché amo questa città. Amo il suo mare, la sua aria, il suo centro storico, la sua periferia, ciò che offre ma soprattutto amo i suoi abitanti e miei concittadini. Qui ho trovato grandi amici e grandi persone. E come un grande amore io non tradisco Rimini e mai lo farò.

Ci sono scelte che a volte devi fare, anche se faticose e dolorose. Ma, come i legami veri e forti non cambiano e non si sciolgono con la lontananza, così sarà per me. Rimini, voi tifosi e la maglia biancorossa farà sempre parte della mia vita e di me. Il mio non è un addio e neppure un abbandono. Io so che tornerò ancora a legare la sciarpa in quella rete salutandovi dal campo col mio guanto sul petto uniti da un’unica vera grande passione.

Lascio a voi un pezzo del mio cuore, trattatelo bene ed abbiatene cura in mia assenza. Sostenete con passione la maglia di questa città, ora ancora di più e siatene sempre orgogliosi come lo sono e sarò io.

Vi voglio bene! Rimini nel cuore!

Francesco Scotti

Altre notizie
di Icaro Sport
Notizie correlate
di Roberto Bonfantini