Indietro
martedì 22 settembre 2020
menu
Calcio a 5 A2 Femminile

La Virtus Romagna blinda la porta: dal Florentia arriva Susi Faccani

In foto: Susi Faccani
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 3 gen 2020 11:47
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La stagione sin qui della Virtus Romagna è da incorniciare: da neopromossa, il girone di andata è stato chiuso al terzo posto in classifica centrando con un turno di anticipo sulla chiusura del girone l’accesso al primo turno della Coppa Italia. Ma l’ambizione della società romagnola non si ferma qui e questa finestra di mercato si è trasformata in un’ottima opportunità per ampliare e migliorare la rosa. L’arrivo di un portiere del livello esperienziale e tecnico di Susi Faccani va proprio in questa direzione ed è la giusta risposta di una squadra ad un girone di campionato che si sta dimostrando estremamente competitivo e di alta qualità.

Nella stagione passata Faccani aveva già avuto l’occasione di lavorare insieme alla coach Imbriani al Flaminia; poi il passaggio in estate al Florentia rimanendo così in A1; l’infortunio e le difficoltà nella nuova squadra; e ora la Virtus. E Susi, alla domanda sul perché abbia scelto la Virtus, ha le idee chiare: «Ho scelto la Virtus Romagna per vari motivi. Ad esempio il nome, perché per la prima volta da quando gioco a futsal la mia Romagna ha una società in Serie A2, quindi sarà qualcosa di diverso e per me è molto sentito giocare qui. In più, ritrovo varie compagne e amiche che ho lasciato a fatica lo scorso anno».

Ma oltre a questo, la giocatrice romagnola ha apprezzato sin da subito la determinazione che la Virtus ha mostrato nel volerla: «Mi sono sentita più voluta e importante in queste due settimane di contatti con questa società che nei tre mesi scorsi. Non mi voglio soffermare su quanto successo perché non è questo il momento né il luogo, ma la cosa importante è aver fatto tesoro dell’esperienza che anche se è stata tutto sommato negativa, mi ha permesso di
crescere molto».

Ma una giocatrice con il curriculum di Susi Faccani, cosa può aspettarsi da questa nuovo viaggio? «Sono molto carica di riprendere ad allenarmi e di ricominciare a giocare. Vengo da un infortunio abbastanza serio e lungo, e mi manca tutto ciò che riguarda il campo. Spero per questo di dare quello che so e tutto ciò che ho, ma spero di ricevere anche molto in cambio. La classifica è corta e l’obiettivo è sicuramente quello di consolidarsi come una delle migliori squadra nel girone non ponendoci dei limiti, perché non nego che mi piacerebbe tornare in Serie A1 nel più breve tempo possibile e secondo me questa squadra può provare a raggiungere questo risultato».

Inizia dunque ora per Faccani una nuova opportunità, un’avventura che pone nuove e differenti sfide sul suo percorso professionale, al seguito però di una coach ritrovata: «Credo di poter dire che se sono qui ora, molto del merito sia di Alessandra Imbriani. Non posso che ringraziarla per avermi rivoluta e sono sicura che nonostante noi ci conosciamo già molto bene, condivideremo entrambe emozioni e sensazioni nuove. Ringrazio anche la presidente Graziella Ricci per aver reso tutto ciò possibile».

I prossimi impegni che inaugureranno questo 2020 per Faccani e la Virtus sono ormai alle porte, con il campionato che riprende il 12 gennaio al Flaminio contro il Civitanova, mentre il 19 gennaio ci sarà il primo step della Coppa Italia con la Virtus che si giocherà il passaggio del turno in trasferta e se la dovrà vedere con il Francavilla. Manca poco al ritorno sul parquet e la Virtus non vede l’ora di iniziare al meglio questo nuovo anno.

Michelangelo Bachetti
Addetto stampa Virtus Romagna Femminile

Notizie correlate
di Roberto Bonfantini   
VIDEO
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini   
di Icaro Sport