Indietro
martedì 7 luglio 2020
menu
Calcio D girone F

Cattolica S.M.-Avezzano, la vigilia del tecnico Emmanuel Cascione

In foto: Emmanuel Cascione da indicazioni ai suoi
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
sab 7 dic 2019 08:07 ~ ultimo agg. 6 dic 21:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Terza partita del trittico di gare in chiave salvezza proposto dal calendario al Cattolica S.M. I giallorossi non sono riusciti a centrare la prima vittoria stagionale né contro la Jesina né a Tolentino, uscendo dal campo con due pareggi, e adesso dovranno riprovarci contro l’Avezzano, che in classifica ha 13 punti, sette in più dei romagnoli, fanalino di coda con 6 punti.

Con il tecnico del Cattolica S.M., Emmanuel Cascione, che domenica dovrà seguire i suoi ragazzi dalla tribuna per squalifica, iniziamo dall’analisi a freddo dell’ultima gara, pareggiata 1-1 a Tolentino. Questa volta il gol al passivo è arrivato nei minuti finali e non in quelli iniziali.
“L’avversario e il campo hanno influito un po’ sull’approccio alla gara: dovevamo cambiare il modo di giocare contro una squadra così e su un campo in cui era difficile tenere la palla a terra. Ho chiesto alla squadra di partire subito cercando la profondità e giocando sulle seconde palle, quindi la squadra ha alzato subito il baricentro. Loro avevano un difensore fuori e inizialmente hanno schierato un centrocampista in difesa, nella ripresa invece hanno inserito un difensore e avanzato il centrocampista, trovando meglio le misure”.

Ai giallorossi continua a sfuggire la prima vittoria.
“Sembra un puzzle di cento pezzi: in ogni partita si cerca di mettere nel posto giusto due-tre tasselli cercando pian piano di completarlo. La squadra, al di là del risultato, migliora sempre più almeno in fase difensiva. Anche se non riusciamo ancora a finire una partita senza subire gol, la squadra ha più certezze in difesa”.

Ultimamente segna sempre e solo Rizzitelli.
“Al di là dei gol “Rizzi” si sente leader della squadra: sente la responsabilità e la trasmette agli altri ragazzi. “Rizzi” nasce come esterno, questa è la sua prima stagione davanti e sta prendendo sempre più confidenza con la porta. Battistini domenica ha fatto un gran lavoro a livello di profondità: ha creato molti spazi per la squadra e anche se si è mangiato un gol e mezzo la sua è stata una prova molto positiva, così come quella di tutti del resto. Cisse viene da un momento un po’ così, ma ha già fatto quattro gol, che non sono pochi. È normale che la partecipazione alla fase offensiva deve avvenire anche da parte dei centrocampisti e degli esterni. Ma quello che mi preoccupa maggiormente è non prendere gol perché se un gol comunque lo fai e mantieni la porta inviolata le partite si portano a casa”.

Intanto guardando la classifica i play out sono a +5 e la salvezza diretta a +11.
“Con un andamento del genere si possono fare pochi calcoli: è normale si pensi in maniera negativa. Adesso dobbiamo essere bravi a lavorare bene sul mercato, non possiamo sbagliare, ci dobbiamo rinforzare prendendo giocatori che fanno la differenza, altrimenti sarà un percorso duro fino alla fine. Comunque questa squadra non ha niente di una squadra che non ha centrato neanche una vittoria, non è una “banda” senza gioco, che fatica a giocare e a fare gol. Aspettiamo sempre la svolta, anche se ce la dobbiamo andare a prendere noi. Ci sono tante partite con episodi clamorosi, già con due vittorie si parlerebbe di un altro campionato”.

Domenica al “Calbi” arriva l’Avezzano.
“L’Avezzano è una delle poche squadre che cerca di giocare la palla. Davanti ha un giocatore importante, Gaeta, che è il fulcro di tutto il reparto offensivo e intorno al quale si muovono giocatori giovani con una bella gamba. È una squadra un po’ imprevedibile e hanno subito appena 17 gol, non tanti per una compagine che ha quella classifica, questo vuol dire che è una squadra che fa bene anche la fase difensiva. Adesso si sono anche rinforzati: hanno già fatto cinque acquisti, un segnale che la società vuole levarsi dalle parti basse della classifica. Questa partita non è facile come si possa pensare”.

Intanto si è aperta la finestra di mercato. Finora due cessioni per il Cattolica S.M., in attesa dei primi movimenti in entrata.
“Gabrielli è andato alla Savignanese e Fabbri alla Sangiustese”.

Oltre a Cascione, anche Pasquini è squalificato.
“Domani mancheranno anche Merlonghi, Moroni, Maggioli e Nsingi”.

LA 15a GIORNATA DEL CAMPIONATO DI SERIE D GIRONE F E LA CLASSIFICA

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna