Indietro
menu
Domenica la sfilata in centro

Alpini, verso l'Adunata. Costituito il Comitato d'Onore

In foto: gli Alpini al 105 Stadium
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 5 minuti
sab 7 dic 2019 13:43 ~ ultimo agg. 16:01
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 5 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Con la firma di questa mattina dell’atto costitutivo del “Comitato d’onore” inizia ufficialmente il percorso che porterà all’Adunata nazionale Alpini di Rimini in programma a maggio 2020. Tra i firmatari il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi, il Presidente della Provincia di Rimini Riziero Santi e i Capigruppo dell’Associazione nazionale Alpini.  La firma è arrivata all’interno del l’incontro nazionale dell’associazione Alpini sul tema “Futuro associativo – i prossimi 100 anni”, all’RDS Stadium. Il fine settimana degli Alpini a Rimini culminerà con la sfilata di domenica mattina per le vie del centro. i capigruppo sfileranno dall’Arco d’Augusto fino al ponte di Tiberio con cerimonia dell’alzabandiera. La sfilata inizierà alle ore 9 circa per terminare alle ore 12.
Il saluto del Sindaco di Rimini, Andrea Gnassi.
“In momenti come questo, quando l’emozione prende inevitabilmente il sopravvento, non esiste discorso ufficiale in grado di rendere l’idea di quello che si sente. Anche per un Sindaco, per un rappresentante delle istituzioni, vedere per la prima volta, finalmente nella nostra città, questa marea di penne nere è qualcosa di indescrivibile, spiegabile difficilmente a parole. Ci provo, ma non vi offenderete, spero, se al tono istituzionale, prevarrà quello delle emozioni. Il primo sentimento che vorrei condividere con voi, nel ribadire il legame profondo di affetto  che unisce la comunità riminese agli Alpini, è quello della gratitudine. Grazie per aver accettato quella che anche per voi è una grande sfida, portare per la prima volta in Romagna, a Rimini, la vostra adunata.
 La prima volta in Romagna, la priva volta con l’apporto di una realtà estera, la vicina Repubblica di San Marino.Una sfida che noi abbiamo voluto fortemente affrontare e vincere perché convinti di una cosa molto semplice:che quei princìpi di solidarietà, altruismo e dedizione che ispirano ogni vostra attività, portandovi sempre in prima linea laddove vi sia bisogno di aiuto, sono gli stessi che connotano la nostra Città, medaglia d’Oro al Valor Civile perchè “Fedele alle sue più nobili tradizioni – si legge nella motivazione – subiva stoicamente le distruzioni più gravi della guerra e prendeva parte validissima alla lotta per la liberazione, attestando, col sacrificio eroico di numerosi suoi figli, la sua purissima fede in una Italia migliore, libera, democratica .
 
Non solo, ad unirci è anche l’operosità costante e discreta, la concretezza di chi è abituato a rimboccarsi le maniche e agire, anche nelle circostanze più difficili, senza mai risparmiarsi per la tutela e la promozione del bene comune. Questi sono gli Alpini, questi sono i riminesi.
A guardarci da vicino, aldilà della retorica interessata di chi crede che una città sul mare come Rimini non sia adeguata ad ospitarvi, sono molti i punti di incontro tra le penne nere e la nostra città adriatica. Entrate nelle nostre case, fermatevi a parlare con i cittadini che incontrate ad applaudirvi lungo le strade e le piazze, e capirete il motivo di tanta vicinanza. Ogni riminese ha in casa uno dei vostri berretti ereditato da un padre, da un nonno, da un bisnonno, che oltre al cimelio gli ha lasciato impresso nel cuore il messaggio universale di operosità, solidarietà e aiuto che questa penna nera rappresenta….
 
……Non solo il vostro è stato un contributo unico e insostituibile durante i terribili conflitti della prima guerra mondiale e seconda guerra mondiale, ma anche in tempi di pace. Nella vicina Emilia, per esempio, siete stati tra i primi ad intervenire dopo il terribile terremoto che ha colpito la nostra regione pochi anni fa. Gli alpini sono una presenza “calda”, che si manifesta in tutte le occasioni più significative: quelle della festa e della gioia e quelle della difficoltà e del dolore nelle quali l’aiuto offerto si fa conforto non solo materiale, ma anche, e soprattutto, spirituale. Lo spirito alpino, fatto di dedizione e di volontà ferrea nel concorrere al bene comune, ha sempre offerto una splendida dimostrazione della sua capacità e generosità. Vicini alla gente, gelosi custodi di una identità fatta di mutuo aiuto, solidarietà, accoglienza.
 
Proprio accoglienza è La parola che evoca, in tutto il mondo, il nome di Rimini. E allora non poteva che accadere questo meraviglioso incontro tra di noi. Un sogno diventato realtà perché fortemente voluto da tutti……un sistema di comuni da Bellaria, Rimini, Riccione, Misano, Cattolica. E’ una vittoria dell’Emilia Romagna e di quella terra ricca di umanità e storia che è la Romagna e che è la Repubblica di San Marino. Superando le candidature di città autorevoli come Verona e Torino, la nostra provincia si conferma come contesto di rilievo internazionale, per appeal e logistica.
 
L’accoglienza, per noi riminesi, è prima di tutto uno stile di vita, un modo di essere, ed è con questo affetto che  siamo oggi ad abbracciarvi e accompagnarvi nelle nostre strade, in attesa della grande adunata di maggio……Domani, 8 dicembre, la cerimonia dell’alzabandiera all’ arco di Augusto, dove termine l’antica via Flaminia darà il via alla sfilata per il centro cittadino sino al ponte di Tiberio, dove nasce la via Emilia. Anche simbolicamente, non poteva esistere modo migliore per iniziare insieme le cerimonie per quella che sarà non solo la vostra festa, ma quella di tutta la nostra comunità.
Il saluto del presidente della Provincia Riziero Santi:
“E’ bello ed emozionante incontrarvi. E’ bello vedere – tutta insieme – così tanta bella gente, autentica e carica di entusiasmo per ciò che rappresenta e per ciò che fa.Vi abbraccio tutti e vi do il benvenuto come Presidente della Provincia di Rimini, mio personale, di tutti i miei 24 colleghi Sindaci dei Comuni del territorio e – non certo – dei nostri 337mila cittadini.
A 100 anni dal vostro primo raduno del Monte Ortigara sarà questa una edizione speciale e straordinaria.E’ la prima volta per la Romagna, è la prima volta per Rimini ed è la prima volta per la nostra provincia. Ne siamo onorati.Noi ci prepareremo per accogliervi al meglio, come meritate.Anzi, ci stiamo già preparando e questa è la prova generale.Saranno giorni di festa.
La vostra presenza sul nostro territorio lascerà tracce molto positive.Sono certo che verremo contaminati dal virus del vostro spirito di corpo, modello di collaborazione, solidarietà e coraggio, che dovrebbe essere la stella polare dell’agire per il benessere di un territorio.Se si ha il coraggio degli alpini per superare steccati campanili e ideologie, il modello cooperativo è l’unico dove si vince tutti.
Ne ho avuto una prova personale bellissima che porto sempre nel cuore.
Da volontario di Protezione Civile. Ogni volta che vi ho incontrato e vi ho visti all’opera, in Abruzzo, come in Liguria, in Emilia-Romagna, nelle Marche, ho sempre ricevuto un grande insegnamento di coraggio, di abnegazione e di spirito di squadra. Collaborazione, solidarietà e coraggio sono gli ingredienti per fare un buon amministratore pubblico.Ma sono anche gli ingredienti per fare un buon padre di famiglia che voi trasmettete a tutti noi.Immagino già il calore con cui sarete accolti dalle nostre comunità e dai nostri cittadini grandi e piccoli. Già se ne parla. Nel mio comune, Gemmano, siamo famosi per la sagra della pappardella al cinghiale e la mia pro loco mi ha già detto: “Sindaco non ti azzardare a non invitare gli Alpini ad assaggiare le nostre pappardelle!”.  So che per me sarebbero guai e quindi vi invito già da oggi.
Questo vale per tutti i miei colleghi.Non dico solo Rimini – di cui il Sindaco Gnassi vi ha già detto e che vi gusterete in ogni suo angolo, accorgendovi quanto Rimini non sia solo spiaggia e mare.Dico di un territorio bellissimo e accogliente in tutta la sua estensione: i comuni della costa con i loro centri turistici.le due valli, la Valconca e la Valmarecchia.i castelli medioevali.la collina con le coltivazioni dei prodotti tipici, l’olio, i formaggi, il vino, i salumi. La montagna dell’alta Valmarecchia, i Parchi e la Riserva Naturale, a due passi l’antica terra della libertà con i tre castelli di San Marino.
Le nostre comunità vi attendono a braccia aperte, i nostri operatori e le nostre pro loco anche.
Per noi il vostro raduno rappresenta un evento culturale molto significativo,  ma è anche una vetrina per presentarci e per mostrarci come capitale dell’ospitalità e meta di una vacanza ricca di emozioni.Grazie per avere scelto la provincia di Rimini.Buon raduno a tutti. Viva gli Alpini.”
Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO