giovedì 24 ottobre 2019
menu
Concessioni in primo piano

In fiera il summit dei balneari e l'osservatorio sull'innovazione digitale

In foto: il TTG
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
gio 10 ott 2019 19:27 ~ ultimo agg. 19:42
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Print Friendly, PDF & Email

Tradizionale appuntamento al SUN di Italian Exhibition Group, questa mattina, con le associazioni che riuniscono in Italia gli imprenditori del settore balneare. E’ stato un confronto fra le categorie sulla riforma delle concessioni demaniali che è atteso da tempo. Il convegno, dal titolo “Il governo difenda le aziende balneari, i Comuni applichino la legge dei 15 anni“ ha visto insieme le sigle Sib-Confcommercio, Fiba-Confesercenti, Cna Balneari e Oasi-Confartigianato. La domanda, univoca, è che il Governo estenda di 15 anni le concessioni, come previsto dall’ultima legge di bilancio. Il problema evidenziato è che sul territorio non tutti i Comuni stanno applicando la norma e ciò limita il desiderio di innovazione e di investire sull’ammodernamento delle strutture.

Oggi al TTG Travel Experience, in corso alla Fiera di Rimini, è stato diffuso lo studio dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo, coi risultati della ricerca sullo sviluppo dei servizi turistici digitali. In Italia, nel 2019, la crescita prevista si conferma del 9% (così come nel 2018) per un valore complessivo di 15,5 miliardi di euro di acquisti dei viaggiatori italiani.
A prevalere sono ancora le prenotazioni effettuate tramite Desktop (+4%, 77% del totale) ma oggi quasi una transazione su 4 (23%) avviene da Mobile (solo Smartphone), che fa segnare una crescita del 32% rispetto al 2018. I trasporti si confermano la categoria principale (62%), seguiti da alloggi (30%) e pacchetti e tour (8%).
Relativamente a strumenti e canali di vendita, il canale diretto rappresenta ancora il 68% delle prenotazioni, principalmente per il peso dei trasporti; continua a crescere in misura maggiore il transato derivante dai canali indiretti (+10%) sul totale del mercato digitale ma la quota di mercato delle OTA (Online Travel Agency) e dei vari siti aggregatori rimane stabile al 32%.
Queste alcune delle evidenze presentate nell’evento annuale in cui l’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano presenta i primi risultati della sesta edizione della ricerca volta a delineare il valore del digitale dell’Industria dei viaggi e i trend di innovazione dell’offerta di servizi turistici.
Nel 2019, un turista su quattro (23%) si è recato in agenzia di viaggio per effettuare la prenotazione. Tra le motivazioni prevalenti troviamo la sicurezza di trovare tutte le informazioni corrette (32%), la gestione di tutto il pacchetto viaggio – assicurazione inclusa – (29%), l’esperienza dell’agente o del consulente (26%) e l’assistenza in fase di pianificazione (25%).
Ponendo pari a 100 il numero delle prenotazioni nelle strutture avvenute nel 2019, in media 49 di queste vengono effettuate dal cliente finale direttamente (21 tramite una email, 18 al telefono o al banco, 10 su sito, app e social network). La percentuale di prenotazioni dirette sale fino al 52% nel comparto alberghiero mentre l’intermediazione digitale presenta dati sopra la media (38%) quando ci si rivolge a strutture non tradizionali (come B&B, Agriturismi, Appartamenti, Camping…).
I trasporti si confermano la componente più rilevante dell’eCommerce del Travel e terreno di sperimentazione di significative innovazioni digitali. Uno dei trend in atto riguarda la multimodalità, ovvero l’utilizzo di più mezzi di trasporto per un’unica tratta (il 19% dei viaggiatori leisure e il 40% dei viaggiatori d’affari digitali italiani ha usato più di un mezzo per raggiungere la meta del loro ultimo viaggio).

Oggi alla Fiera di Rimini, durante TTG Travel Experience, lo Sri Lanka ha comunicato la propria offerta turistica, all’insegna del sole spiagge dorate, luoghi magnifici, vegetazione lussureggiante. Un’isola unica, con tutti i doni della natura, un’antica cultura e un patrimonio che risale a 2500 anni fa.
Nel 2018 lo Sri Lanka ha registrato 2,3 milioni di turisti, con un tasso di crescita annuale del 10,3%. Durante il 2018 sono stati 38.000 i turisti italiani che hanno visitato lo Sri Lanka. Da gennaio a settembre 2019, oltre 26.500 visitatori italiani hanno viaggiato nel paese. Il turismo dello Sri Lanka si sta riprendendo più velocemente del previsto, l’isola sta tornando molto popolare tra i viaggiatori di tutto il mondo. I turisti italiani visitano principalmente le spiagge, i parchi naturali, i siti culturali e i centri benessere, con la spa Ayurveda unica.
Fra le iniziative per il rilancio dell’industria turistica, l’esenzione dalla tassa di visto per 48 paesi, tra cui l’Italia, da fine agosto 2019, la riduzione dei costi di atterraggio della compagnia aerea, la riduzione delle spese di carburante per la compagnia aerea e le tariffe di imbarco ridotte.

A Sia Hospitality Design di IEG, ospite di un seminario organizzato dal Comitato Nazionale Giovani Albergatori di Federalberghi, oggi è intervenuto anche il futurologo Thomas Bialas, esperto in tema di ospitalità e autore del Manuale per l’albergo empatico, realizzato in collaborazione con Federalberghi e con il Centro di Formazione Management del terziario. Bialas sostiene che “l’albergatore deve diventare empatico”, entrare in stretto contatto con i suoi clienti/ospiti, condividendone le emozioni e le sensazioni, diventando il tramite per un benessere generale, integrato con lo stesso territorio e con le realtà in cui l’albergo è radicato.  “E’ un libro visionario sul mondo dell’ospitalità – commenta il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca – che offre mille stimoli e idee da sperimentare nel proprio albergo”.

Altre notizie
di Redazione
VIDEO
di Redazione
di Redazione
FOTO
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna