mercoledì 13 novembre 2019
menu
Campionato Sammarinese

Il Tre Penne è già qualificato al Q1. Le interviste a Ceci e Chiurato

In foto: Stefano Ceci (Ph©FPF/Filippo Pruccoli)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 21 ott 2019 15:30 ~ ultimo agg. 16:15
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Vittoria per 4-2 contro il Fiorentino che qualifica matematicamente il Tre Penne al Q1 con tre giornate di anticipo. Sugli scudi la prestazione di Alessandro Chiurato, autore di una tripletta.

“Abbiamo disputato una buona gara, considerando le alte temperature e le condizioni di alcuni giocatori 
queste le prime parole del tecnico Stefano Ceci nell’analisi della partita -. L’unico appunto è il fatto di non
essere riusciti subito a trovare il gol che mettesse la partita in ghiaccio, infatti i nostri avversari alla prima e vera unica occasione hanno segnato il pari. Dispiace aver subito gol in due calci da fermo. Ciononostante sono soddisfatto perché c’è stata una reazione dei ragazzi, che hanno aggredito ed espresso un buon gioco.”

Primo obiettivo stagionale raggiunto per la compagine di Città, che accede al Q1: “è un passo importante sicuramente, ma dobbiamo continuare ad interpretare ogni partita con la stessa intensità. Dobbiamo mantenere alta l’attenzione per le prossime gare, sperando di arrivare lontani e farci trovare pronti.”

Primi tre gol con la maglia biancazzurra per Alessandro Chiurato, parla così l’attaccante numero 23. “Prestazione personale buona visto che ancora non sono al cento per cento, anzi mi trovo indietro nella condizione a causa di alcuni impegni lavorativi e personali. La squadra mi sta aiutando e adesso darò il massimo per rientrare in forma. L’importante era la vittoria, abbiamo giocato di squadra anche se abbiamo calato d’intensità in qualche momento.”

Il gol del vantaggio si sviluppa dal calcio d’angolo di Gai per il colpo di testa di Chiurato: “è la specialità
della casa. La rete è stata resa possibile dal perfetto traversone del mio compagno e poi io ho tagliato sul primo palo battendo il portiere.”

Infine, una dedica del tutto particolare per il centravanti del Tre Penne. “Voglio dedicare questa tripletta a me stesso, perché a 36 anni ho ancora tanta voglia di divertirmi e giocare. Mi piace giocare e metto in campo tutta la passione che ho. Voglio continuare su questa strada.”

Ufficio stampa SP Tre Penne
Matteo Pascucci

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna