giovedì 19 settembre 2019
menu
In foto: lee Haney ai tempi d'oro
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 9 set 2019 12:32 ~ ultimo agg. 10 set 08:55
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Il 9 settembre 1989, dopo la sciagurata estate delle mucillagini, a Rimini i nervi erano a pezzi. I muscoli invece erano in bella mostra eccome. La vecchia fiera ospitava la manifestazione “California 89”, mostra mercato del fitness nel cui ambito si svolgeva la finale di Mister Olympia, la più importante manifestazione internazionale di culturismo nata nel 1965 e attiva ancora oggi (dal 12 al 15 settembre, l’edizione 2019 a Las Vegas).

Quella di Rimini rimane l’unica finale italiana dell’evento, che dagli Stati Uniti arrivò a toccare diverse capitali europee. Dal 1999, invece, la finale si tiene sempre in Nevada. A vincere l’edizione 1989 fu Lee Haney, all’epoca trentenne: 110 kg di muscoli dalla Carolina del Sud. Non una sorpresa, visto che il titolo lo vinceva dal 1984 e lo avrebbe vinto fino al 1991, detenendo oggi con Ronnie Coleman il record di otto successi nella manifestazione. Uno in più di Arnold Schwarzenegger, futura stella del cinema nonché governatore della California, che negli anni ’70 si impose per sette volte. Niente doping nelle competizioni internazionali, hanno da sempre assicurato gli organizzatori. I campioni si costruivano con sudore, fatica e diete fatte apposta per aumentare la massa. Quella di Haney, scriveva Repubblica, era a base di “patate inghiottite crude con la buccia per assimilare preziosi carboidrati”.

Il video dell’edizione 1989 a Rimini:

Per Rimini quella toccata e fuga di Mister Olympia fu un evento più che altro folkloristico: “Rimini applaude l’incredibile Hulk”, titolava Repubblica. Ma la manifestazione di quel fine settimana in fiera, che proponeva espositori e convegni, costituì la prima esperienza di quello che sarebbe diventato il Festival del Fitness. Le strade di Gabriele Brustenghi, ideatore della manifestazione, e della Fiera di Rimini come noto si sono divise nel 2006: il primo esportò per qualche anno il festival altrove. La seconda (oggi IEG) diede vita a Riminiwellness che invece resta ancora uno dei principali eventi del calendario fieristico riminese e riferimento a livello nazionale e non solo.

Oggi il culturismo, noto anche come body building, è ancora una disciplina diffusa, anche se il periodo d’oro (gli anni ’80 erano quelli del “Physical”, inno di Olivia Newton John alla vita in palestra) sembra lontano. Almeno a Rimini, dove nel tempo ai muscoli si è preferita la strada del benessere. Ma per chi c’era in fiera il 9 settembre del 1989 quel tripudio internazionale di bicipiti, tricipiti e dorsali in tensione con Mister Olympia resta un evento da ricordare. Anche perché, raccontavano le cronache dell’epoca, qualcuno per vederlo dalle prime file spese cinquecentomila lire.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
di Andrea Polazzi   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna