Indietro
giovedì 6 ottobre 2022
menu
SP Tre Penne

Luca Ceccaroli vince il Pallone di Cristallo 2019

In foto: Luca Ceccaroli
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 6 ago 2019 11:23 ~ ultimo agg. 11:25
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A distanza dall’ultimo “pallone di cristallo” vinto da Nicola Gai nel 2016, il Tre Penne torna ad avere un proprio giocatore vincitore del trofeo sammarinese a livello individuale più importante: si tratta di Luca Ceccaroli, che nella serata di “Calcio Estate” tenutasi al San Marino Stadium ha ricevuto questo ambizioso premio.

L’esterno sammarinese è approdato alla corte di Stefano Ceci durante la finestra di mercato invernale dal Domagnano ed ha subito avuto un impatto devastante per i biancazzurri; 14 uscite con la maglia del club di Città e 7 gol. La partita che tutti ricordano è sicuramente la finale di Campionato, nella quale Ceccaroli è entrato nel corso del secondo tempo e ha fornito l’assist per il pari di Stefano Fraternali; verso la fine della gara si è reso protagonista di una bella giocata culminata con il gol del definitivo 3-1 di Marigliano alla Fiorita.

Tutto ciò ha contribuito alla chiamata del ds Di Giuli che lo ha rivoluto fortemente per quello che sarà il Tre Penne targato 2019/2020 ed è stato il primo di una lunga serie di acquisti per i biancazzurri. Ceccaroli ha preso parte alle due trasferte europee dei campioni in carica, giocando contro Santa Coloma e Suduva. Inoltre il giovane giocatore è stato convocato dal ct della Nazionale sammarinese Franco Varrella per alcuni stage di osservazione.

“Sono molto emozionato, è un traguardo bellissimo dato dalla bella stagione personale che ho disputato – debutta così Ceccaroli –. Questo trofeo è la ciliegina sulla torta di un’annata straordinaria, dal Q2 siamo riusciti a vincere il Campionato e abbiamo disputato un turno in Champions League e uno in Europa League”.

Una dedica speciale per il giocatore biancazzurro. “Indubbiamente voglio condividere questo traguardo con i miei compagni di squadra, senza i quali sarebbe stato impossibile raggiungerlo. Poi vorrei rivolgere una dedica speciale per mio padre che da sempre è il mio primo tifoso, quest’anno mi ha spronato a non mollare mai, ha sempre assistito alle mie partite e mi incitava continuamente”.

Infine una riflessione sul futuro. “Per il prossimo anno l’auspicio è quello di riconfermami a questi livelli. Si
sa che l’anno successivo è il più difficile, ma lavorerò sodo per essere ancora il migliore. Non solo a livello personale, ma anche di squadra: non ci nascondiamo e possiamo affermare che puntiamo a tutte le competizioni”.

Ufficio stampa SP Tre Penne
Matteo Pascucci