giovedì 21 marzo 2019
In foto: I Titans 2018/2019
di Icaro Sport   
lettura: 2 minuti
sab 16 mar 2019 23:33
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

PALLACANESTRO RECANATI-PALLACANESTRO TITANO 82-71 d1ts

IL TABELLINO
RECANATI: R. Cuccoli 13, N. Cuccoli ne, F. Cingolani 1, Larizza 19, C. Cingolani, Armento 21, Raponi 15, Gjinaj 6, Sabbatini ne, Ottaviani 3, Pezzotti ne, Principi 4. All.: Pesaresi.

TITANO: Palmieri, Riccardi 7, Longoni 11, Macina 14, Sorbini 13, Zanotti 2, Felici 8, Cambrini 6, Semprini 7, Padovano 3. All.: Padovano.

Parziali: 18-17, 28-36, 50-50, 66-66, 82-71.

Note. Usciti per 5 falli: Macina e Semprini.

Arbitri: Petritaj e Ricci.

CRONACA E COMMENTO
Davvero un peccato, un peccato enorme. Niente da fare per la Pallacanestro Titano a Recanati, in uno di quei match sulla carta impossibili e che invece in questo 2019 i ragazzi di coach Padovano hanno sempre giocato alla grandissima. Con la testa sgombra della salvezza ormai matematica, i Titans sono stati avanti e hanno inseguito,
hanno centrato un supplementare pazzesco ma poi si sono arresi alla forza di una squadra di altissimo livello come quella marchigiana. Poco da rimproverare ai ragazzi per questo match. Peccato solo per un bilancio di tiri liberi surreale per una partita di grande intensità agonistica da ambo le parti: 28 per Recanati, 6 per la Pallacanestro
Titano.

Nel primo quarto l’approccio sammarinese è perfetto e la mira anche, con le buone percentuali dalla lunga distanza che consentono ai nostri di stare avanti sul 4-10. Col passare dei minuti Recanati si compatta in difesa e recupera punto su punto, col match che diventa abbastanza equilibrato e coi Titans sempre piuttosto attivi e brillanti (18-
17).

Nel secondo periodo di gioco la difesa dei ragazzi di coach Padovano è super e il break diventa realtà. Il primo tentativo di fuga si concretizza in un +11 (bella tripla di Cambrini) prima che Urbania accorci sul-8 dell’intervallo (28-36). Difesa di altissimo livello quella di Macina e compagni, con 10 punti concessi in 10 minuti a uno dei migliori attacchi del campionato.

Di ritorno dagli spogliatoi è ancora la Pallacanestro Titano a imperversare, almeno fino al 34-48. Un buonissimo vantaggio, ma di lì in poi Recanati cambia marcia e recupera, piazzando uno di quei parziali stordenti. È di 16-0 il break dei padroni di casa, un lungo parzialone che consente a Recanati di sorpassare sul 50-48 prima del canestro di fine quarto di Sorbini.

L’inizio di quarto periodo sembra lanciare i locali verso la vittoria, col tabellone che segna 62-52 per un parziale allungato di dimensioni davvero importanti. Però non finisce lì. Non finisce lì perché la difesa non molla un centimetro e perché Sorbini negli ultimi due minuti la mette da tutte le parti. Tre triple praticamente consecutive per lui, entusiasmo alle stelle e improvvisamente i Titans sono di nuovo lì, a giocarsela con grandissima determinazione. Accorcia a -2, la Pallacanestro Titano. Accorcia e poi impatta quando ancora Sorbini centra una doppietta ai liberi a -14” dalla sirena. La difesa Titans rende difficile l’ultimo tiro di Recanati, c’è il rimbalzo difensivo e c’è l’apertura di Longoni per Cambrini, che s’invola allo scadere ma la sua entrata è
complicata e non trova i frutti sperati (66-66).

Si va all’overtime e Recanati vola via, allungando dalla lunetta sul +11 conclusivo. Finisce 82-71. Peccato davvero, grandissima partita.

Loriano Zannoni
Ufficio stampa Pallacanestro Titano

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna