Indietro
menu
A Fuori dall'Aula

Ceis e anfiteatro, fronte comune tra minoranza e Patto Civico

di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 17 gen 2019 12:48 ~ ultimo agg. 18 gen 11:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Fuori la politica dal Ceis, individuazione in tempi brevi di un’area dove traslocare le strutture (“proporrò di farlo entro marzo” ha detto Frisoni) e liberazione dell’anfiteatro romano. Dopo 25 anni di discussioni e polemiche, negli ultimi mesi a Rimini si sta assistendo ad una accelerazione sulla vicenda.

Ieri se ne è parlato nella trasmissione di Icaro Tv Fuori dall’Aula dove è nato un fronte comune tra minoranza e Patto Civico. In studio Carlo Rufo Spina di Forza Italia e Davide Frisoni proprio di Patto Civico.

Il Ceis – ha detto Rufo Spina – deve continuare a lavorare come ente privato e deve poter ragionare libero da condizionamenti politici e dal sospetto di favoritismi da parte del comune“. Posizione espressa dallo stesso Frisoni anche nella commissione aperta dedicata al tema. “Perché oggi la politica deve essere dentro una struttura educativa privata? – si chiede – O si inserisce un rappresentante in ogni scuola oppure in nessuna.
Secondo Rufo Spina l’accelerazione sullo spostamento del Ceis registrata nell’ultimo anno è dettata da un cambio di strategia che lo ha visto protagonista in prima persona: “quando ho richiesto di avere la legittimità urbanistica dell’area con tutti i permessi e questi non sono stati trovati, il problema di merito politico è diventato un problema di legalità.” Ma secondo Frisoni non è solo questo. “C’è da considerare anche il fatto che in maggioranza non c’è più solo il Pd, che sul tema aveva una posizione inamovibile. Io – precisa, sollecitato da Rufo Spina – parlo a nome dei quattro di Patto Civico. Per cui credo che sia importante fare un tavolo di lavoro comune con maggioranza, minoranza, Ceis e dirigenti.” Sulla tempistica Frisoni si sbilancia: “credo che per marzo l’area in cui traslocare la struttura debba essere individuata. Questa è la proposta che farò. Poi però ci deve essere un classico rapporto tra pubblico e privato: quando il comune individua l’area adatta deve essere quella.
Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
di Redazione   
VIDEO