mercoledì 16 gennaio 2019
In foto: Lo stemma della Colonnella
di Icaro Sport   
lettura: 2 minuti
dom 7 ott 2018 18:46 ~ ultimo agg. 18:50
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

La Colonnella parte con il piede schiacciato sull’acceleratore. Al 4′ Lazzari calcia con forza una punizione, bucando la barriera e costringendo il portiere ad intervenire sul rasoterra in due tempi.
Risponde l’Asar con il suo Ciavatta che tenta una spettacolare sforbiciata su suggerimento di un compagno, che da
lontano ha scodellato la palla in piena area, senza però colpire il pallone.
Al minuto 12 l’Asar ha sui piedi la palla che potrebbe portare gli ospiti in vantaggio, ma la difesa di casa fa gli straordinari e sventa a portiere ormai battuto.
Di nuovo pericolo per Castelgrande al 16′, quando Greco tenta il colpaccio da lontano ma la palla va alle stelle.
Continua la pressione dei riccionesi che non mollano un solo metro agli avversari, ma non sanno approfittare anche
delle sbavature della difesa di casa che, anche se in affanno, riesce ad allontanare i palloni più pericolosi.
Siamo al 23′ minuto e la Colonnella guadagna una punizione al vertice dell’area di porta: il pallone viene affidato a Lazzari, che anziché tirare verso l’area, serve Sapucci che incoccia ottimamente il pallone che si insacca in rete senza che Mauri possa intervenire. 1 a 0.
L’Asar mette alla prova le coronarie dei riminesi al 35′, quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo tocca a Castelgrande con tre-quattro salti mortali negare la rete agli avversari.
Passano solo pochi minuti e la Colonnella raddoppia, sfruttando il solito tiro di punizione che stavolta viene affidato a Bucci che pizzica il palo più lontano e guarda con gioia la palla gonfiare la rete per il 2-0.

Il secondo tempo è un vero e proprio monologo dell’Asar, che mette alle corde i gialloblu, che respingono ogni tentativo di affondo con lucidità, ma i falli non si contano come le sostituzioni che gli allenatori provano uno per tentare di bucare la difesa avversaria l’altro per rinforzare le barricate anche perché la Colonnella rimane in dieci per l’espulsione di uno dei suoi migliori difensori in campo, Pipa.
Il gol della bandiera per l’Asar arriva a tempo ormai abbondantemente scaduto con Marchionna, che riesce a beffare
Castelgrande, ma è il 52′ e rimane solo il tempo di mettere la palla a centrocampo per sentire il triplice fischio dell’arbitro.

Vitangelo Gravina
Addetto stampa ASD Colonnella

Notizie correlate
di Icaro Sport
di Roberto Bonfantini
FOTO
di Roberto Bonfantini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna