Indietro
mercoledì 21 ottobre 2020
menu
Icaro Sport

Inaugurato il giardino dedicato a Nicky Hayden

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 6 set 2018 16:42 ~ ultimo agg. 16:45
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Non un giorno a caso. Oggi, sul calendario 6.9 e cioè il numero di gara di Nicky Hayden, è stato inaugurato il giardino dedicato alla memoria del pilota scomparso tragicamente il 17 maggio 2016 a Misano in seguito ad un incidente stradale.

L’Amministrazione Comunale ha fatto propria una proposta pervenuta da amici e appassionati del pilota scomparso che aveva per oggetto la possibilità di titolare un’installazione in sua memoria impegnandosi nella realizzazione di un giardino a lui dedicato proprio nel luogo dell’incidente.

L’istallazione commemorativa, realizzata a proprie spese da un gruppo di amici dello sfortunato centauro capitani da Denis Pazzaglini, amico ed ex meccanico ai tempi in cui il Hayden militava in MotoGP nel team Honda Repsol, è stata posizionata nel giardino confinante con l’incrocio tra via Ca’ Raffaelli e via Tavoleto, lì dove avvenne l’incidente mortale. Il terreno è stato reso disponibile da parte dei proprietari tramite una cessione a titolo gratuito al Comune di Misano.

Alla cerimonia erano presenti oltre al Sindaco di Misano Stefano Giannini e a Denis Pazzaglini, il CEO di Dorna Sports SL Carmelo Ezpeleta affiancato da Franco Uncini e Loris Capirossi e ad una rappresentanza del Misano World Circuit guidata dal suo Presidente Luca Colaiacovo.

“L’installazione ha preso il nome di “Giardino Nicky Hayden – spiega il Sindaco Stefano Giannini. L’Amministrazione Comunale di Misano ha deciso immediatamente di accogliere la richiesta che ci è pervenuta dagli amici di Nicky. Il giovane pilota americano aveva trovato in Misano un punto di riferimento e Denis Pazzaglini, misanese doc, da meccanico ai tempi in cui Hayden militava in MotoGP, si è trasformò presto in un caro amico”.

Commosso tra il pubblico anche l’ex centauro statunitense campione del mondo, Kevin Schwantz.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
di Redazione