Indietro
menu
Lavoro Rimini

Presidio dipendenti Ministero del lavoro. Senza risorse non si contrasta lavoro nero

In foto: il presidio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 17 nov 2017 11:52 ~ ultimo agg. 18 nov 17:01
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Questa mattina Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Pa, Confsal Unsa, Usb-Pi, Flp e Federazione Intesa hanno effettuato un presidio davanti alla Prefettura di Rimini per protestare contro quello che definiscono “l’ennesimo affronto ai lavoratori del Ministero del Lavoro, Inl e Anpal, privati delle giuste risorse”.

Nell’approssimarsi della scadenza dell’iter per l’approvazione della Legge di bilancio, le Organizzazioni sindacali del pubblico impiego “credono ci siano ancora margini di manovra affinché la stessa mano che ha abbattuto la scure per tagliare le risorse del fondo unico di amministrazione del Ministero del Lavoro e delle due Agenzie – l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) e l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro (ANPAL) – possa ricredersi e dimostrare concretamente che invece si è compresa a fondo l’importanza del ruolo sociale svolto da chi garantisce la legalità e la presenza dello Stato sul territorio”.

E’ stato chiesto un incontro al Prefetto per la consegna di un documento nel quale, “oltre ad evidenziare un’assenza di organicità nella nascita delle due Agenzie, che ha delineato un percorso incerto per tutte le professionalità presenti nelle varie strutture si afferma che, a fronte degli impegni assunti dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali nei confronti di Cgil, Cisl e Uil di investimenti nella legge di bilancio, in realtà il MEF, ha dichiarato di voler tagliare del 50% il fondo di produttività del Ministero del Lavoro e delle sue due Agenzie, decurtandolo di circa 7 milioni di euro.
Inoltre, si attribuiscono nuovi compiti e nuove mansioni, quali ad esempio la decisione sui ricorsi avverso i verbali dei pubblici ufficiali (Carabinieri, Guardia di Finanza, ecc. ) e la difesa dinanzi alla Corte D’Appello, senza prevedere alcun ruolo professionale e nessuna valorizzazione del personale coinvolto”.

Una situazione, lamentano i sindacati, che comporta anche difficoltà nel contrasto al lavoro nero, tema quanto mai delicato per il territorio riminese. “Come si può pensare – sostengono le Organizzazioni sindacali – di garantire servizi quotidiani a tutti coloro (lavoratori e cittadini, organizzazioni sindacali, associazioni datoriali, consulenti del lavoro, etc.) che ogni giorno si relazionano con il Ministero e le sue due Agenzie, senza risorse?
Come si può pensare di combattere il lavoro nero e le morti sul lavoro, senza risorse?
Si sollecita, pertanto, la costituzione di un piano aziendale serio che renda omogeneo tutto il processo di riforma e che sappia dare risposte logistico-funzionali alle criticità di cui solo alcune sono elencate nel documento. Tutti questi contenuti si chiede che vengano recepiti all’interno di nuovi contratti integrativi destinati ai tre nuovi Enti (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, INL e ANPAL).

Le Organizzazioni sindacali chiedono al Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, al Ministro dell’Economia e delle Finanze, Piercarlo Padoan e al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, “di impegnarsi a trovare in tempi rapidi una soluzione a problemi che rischiano seriamente di compromettere l’operatività di quello che dovrebbe essere uno dei Ministeri cardine del nostro Paese, considerato che, ai sensi dell’art. 1 della nostra Carta Costituzionale “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”.

Notizie correlate
di Redazione