Indietro
menu
Cronaca Rimini: notizie e Cronaca di Rimini e provincia Rimini

Non luogo a procedere per Demiraj condannato all'ergastolo per due omicidi

In foto: Dritan Demiraj mentre indica il luogo in cui ha lasciato il corpo di Silvio Mannina
di Lucia Renati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 8 nov 2017 18:12 ~ ultimo agg. 9 nov 12:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto Visualizzazioni 1.744
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Non luogo a procedere per Dritan Demiraj, 31 anni, fornaio e killer albanese, condannato all’ergastolo in Corte d’Assise a Rimini per aver ucciso Silvio Mannina a Santarcangelo e l’ex compagna Lidia Nusdorfi, alla stazione di Mozzate, nel Comasco. Lo ha deciso la Corte d’Appello di Bologna vista l’incapacità dell’uomo di stare in giudizio.
Demirai è un uomo libero a causa del deficit di memoria e di comprensione riportato dopo un aggressione in carcere a Parma, nell’aprile del 2016, dove era detenuto per duplice omicidio volontario aggravato, occultamento di cadavere, violenza privata, rapina, porto abusivo di coltello. Dopo l’aggressione durante la quale era stato colpito con calci e pugni alla testa per 15 minuti, Demiraij era rimasto in coma per qualche tempo.
“E’ come un bambino che vive alla giornata – ha spiegato il suo legale, l’avvocato Orrù – una condizione che la medicina indica come irreversibile: Il non luogo a procedere prevede anche l’immediata scarcerazione e rimessa in libertà”. (ANSA)

Notizie correlate
di Redazione