Indietro
venerdì 4 dicembre 2020
menu
Icaro Sport

Athletic Falco: è Marco Succi il rinforzo per il centrocampo

di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 11 lug 2016 08:04 ~ ultimo agg. 08:07
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

ATHLETIC FALCO: È MARCO SUCCI IL RINFORZO PER IL CENTROCAMPO

Volto nuovo in casa Athletic Falco. Infatti dopo l’ingaggio del difensore Omar Tomassoni, la società arancionera ha puntellato la linea mediana con l’arrivo di Marco Succi.

Classe ’88, cresciuto nel vivaio del Sant’Ermete, l’atleta romagnolo a 13 anni ha proseguito la sua crescita calcistica nella Rimini Calcio, per poi tornare sedicenne alla case base rimanendo per dodici stagioni consecutive membro fisso della prima squadra.

Insomma dopo una vita passata in tinte gialloverdi, ora il mediano riminese ha deciso di tuffarsi in una nuova avventura. “Ho scelto l’Athletic per le persone, per il progetto, perché credo in questa società ed in quello che vuole trasmettere come valori calcistici ed umani – spiega Succi. Si tratta di una società seria e di un gruppo solido, composto da ragazzi che trasmettono unione e voglia di fare”.

Che idea si è fatto dell’Athletic in queste due stagioni, valutandolo dall’esterno?
“Penso si tratti di una squadra che ha dato prova di essere competitiva, capace soprattutto di mostrarsi seria come società. Non vedo l’ora di cominciare questa nuova esperienza”.

Cosa si aspetta dalla prossima stagione? Conosce già mister Nicolini o il Direttore Tecnico Andruccioli?
“Conosco entrambi, sia Mister Nicolini che il Direttore Tecnico Andruccioli. Dalla prossima stagione mi aspetto di poter entrare a far parte di questo bellissimo gruppo, integrarmi al meglio e poter dare tutto per questa maglia e per questa società, dimostrando a pieno i miei valori calcistici”.

Che tipo di giocatore è?
“Sono un centrocampista soprattutto di quantità, ma poi mi adatto a qualsiasi posizione in campo. Mentalmente do tutto e ci credo sempre fino all’ultimo secondo in partita. Non mollo mai: grinta, cattiveria agonistica e tanta dedizione al lavoro e all’impegno”.