Indietro
giovedì 3 dicembre 2020
menu
Icaro Sport

Asset Banca. Niccolò Rinaldi completa il reparto lunghi per la nuova stagione

In foto: Il benvenuto di capitan Gamberini a Niccolò Rinaldi (a destra)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 31 lug 2016 20:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Innesto importante in casa Asset Banca in vista della nuova stagione, il cui raduno è fissato per il 22 agosto.

Per la gioia di Dirigenza e Staff tecnico, che hanno fortemente voluto questa operazione, arriva tra i Titans Niccolò Rinaldi, classe 1993, ala grande di 202 centimetri, chiamato a garantire con Balestri, Gamberini, Gambi e Polverelli il presidio del pitturato e dintorni.

Nato e cresciuto nel vivaio Angels, “Nik” ha vestito la divisa di Santarcangelo anche nei Campionati di B, contribuendo inoltre da protagonista alla vittoria in serie C di due stagioni fa (13 a gara di media).
In B ha militato anche a Riva del Garda, Orzinuovi e, la scorsa stagione, a San Miniato.

Con l’arrivo di Rinaldi manca solo un tassello da ala piccola per completare il mosaico Asset Banca.

Abbiamo chiesto a Nik di descriversi dal punto di vista tecnico (“sono un ‘quattro’ tiratore atipico, a cui piace giocare sia all’interno ma anche all’esterno del perimetro, che cerca di creare pericolosità sia col tiro che con la penetrazione. L’attacco fa comprare i biglietti, ma la difesa fa vincere le partite, quindi ti dico che una difesa di squadra fino all’ultimo secondo sia il miglior modo per dar forza e coraggio a tutti i componenti. Difesa e controllo mentale son i due aspetti più importanti del gioco, cosa che ho imparato l’anno scorso grazie a coach e compagni a San Miniato”), di commentare il giovane roster di Coach Foschi (“Giovani vuol dire entusiasmo, voglia di fare, corsa, e tanta grinta, quindi son contento e per niente impaurito di avere compagni così giovani, tra cui amici ed ex compagni”), di fissare un obiettivo per la regular season (“Dare il massimo per tutto l’anno, poi con l’andare del campionato si tireranno le somme a tempo debito”) e gli interessi fuori dal campo di gioco (“Nel tempo libero ascolto per lo più musica, di tutti i generi ma la maggior parte rap e hip hop, possiamo dire che ho una malattia; seguo anche la moda e purtroppo spendo tutti i miei stipendi in scarpe – altra malattia – e vestiti. Il mio idolo musicale è Kanye West, sono come una 15enne con Justin Bieber. Idoli sportivi invece Kobe Bryant per la sua forza mentale, la sua dedizione all’allenamento costante e la sua fama di vittoria; poi mio fratello Tommaso per avermi fatto innamorare del basket e per i consigli durante questi anni. Per il resto passo molto tempo con gli amici, uscendo la sera – mai prima delle partite – a cena, sushi, piada o pizza, o al cinema”).