martedì 22 gennaio 2019
In foto: Quelli de "La Bottega Poco di Buono"
di Simona Mulazzani   
lettura: 2 minuti
lun 15 feb 2016 13:26
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Uno spazio nuovo e più grande per la “Poco di Buono“, la bottega di prodotti etici, biologici, solidali di Rimini. Mercoledì alle 17,30 inaugura la nuova sede in via della Lontra 53, in zona Grotta Rossa a Rimini. Ci sarà musica dal vivo e la possibilità di conoscere dei fornitori: vino, biscotti, mortadella.

“Circondati da una richiesta – spiegano i responsabili – sempre crescente di spazi, attività, proposte, in qualche modo legati ai nostri principi, abbiamo deciso di accettare la sfida, e crescere, rimanendo noi stessi. Il notevole sforzo che tante persone, volontariamente, stanno mettendo in campo da anni, continua il suo percorso, producendo valore per la comunità. Gli stessi principi che più di dieci anni fa furono alla base del Gruppo d’Acquisto Solidale di Rimini (RiGAS), ora sottendono a questa impresa commerciale che sfida la mentalità del business is business e si dichiara etica“.

Cos’è la bottega Poco di Buono:

La bottega Poco di Buono nasce nel 2010, alla Grotta Rossa di Rimini, dove si lavora per tenere insieme prezzi equi e qualità, responsabilità d’impresa e logica imprenditoriale, negozio di prossimità e sede del gruppo d’acquisto. La bottega infatti è aperta dal lunedi al sabato dalle 8:30 alle 19:30, ed è aperta a tutti, ma il mercoledi pomeriggio e il sabato mattina diventa anche punto di ritiro dei prodotti ordinati dai soci del RiGAS.

I prodotti 

si va dai prodotti freschi, come frutta, verdura, pane, formaggi e uova, ai prodotti confezionati come pasta, olio, farine, marmellate . Non mancano i prodotti per l’igiene della casa, della persona e degli animali domestici, ma l’esperienza forse più significativa è quella chiamata Progetto Spreco Zero. Una volta a settimana, il mercoledi, vengono messe in vendita cassette di frutta e verdura selezionate tra quanto scartato dalla grande distribuzione perché “brutto”. Si tratta di prodotti destinati in origine al reparto di frutta e verdura biologica dei supermercati, ma che non rispondono ai requisiti estetici richiesti, benché sia buona al pari del resto.

Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna