Indietro
menu
Cronaca Rimini: notizie e Cronaca di Rimini e provincia Rimini

GdF scopre 300.000 kg di amianto. Sigilli all'area della ex Ghigi

In foto: La Guardia di Finanza di Rimini ha posto i sigilli all'area dell'ex pastificio Ghigi che si affaccia sulla consolare per San Marino. In un sopralluogo aereo, eseguito con i tecnici dell'Ausl, sono emersi oltre 300.000 kg di amianto a copertura dei capannoni.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 12 nov 2010 16:46 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si tratta di frammenti di pannelli ondulati sparsi sui tetti in un’area di 150 metri quadri. Alto il rischio di dispersione col vento delle fibre di amianto.
Oltre all’eternit, all’interno e all’esterno dei capannoni sono stati rinvenuti rifiuti di ogni tipo, ammassi di lana termica, vecchi elettrodomestici e accumulatori per auto. Il responsabile legale della Immobiliare Sacramora srl, proprietaria dell’area, è stato denunciato per disastro innominato, getto pericoloso di cose e deposito incontrollato di rifiuti. Nel giro di breve tempo dovrà provvedere alla messa in sicurezza dell’intera area. Dall’indagine sul posto è emerso infatti che nelle ore notturne avevano accesso al pastificio, attraverso le recinzioni divelte, anche molti giovani ignari dei pericoli.
Al momento l’area è sotto sequestro preventivo.

A seguire l’operazione il tenente colonnello Giuseppe Vargiu, che sul tema dell’amianto era stato intervistato proprio sul numero del settimanale L’espresso di questa settimana. In un articolo dal titolo “Sul fiume scorre l’amianto”, Vargiu aveva ricordato un’operazione compiuta il 3 settembre scorso, quando un grande ammasso di amianto era stato trovato sul fiume Marano, “specificando” – prosegue l’articolo – “che, mentre le autorità locali venivano allertate, le piogge trascinavano parte del materiale sott’acqua”.