Indietro
menu
Rimini

Canoni demaniali, i parlamentari rassicurano il Sib

In foto: La stagione balneare appena conclusa sarà ricordata come una delle peggiori degli ultimi anni dal punto di vista delle presenze turistiche. I dati del SIB, il sindacato italiano Balneari, che associa circa 10 mila imprese, registrano un notevole calo concentrato soprattutto a giugno e luglio con punte del 30% in Liguria e Puglia e del 20% in Toscana ed Emilia Romagna. Un segno meno che non risparmia nessuna regione.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 16 ott 2004 13:48 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Tra i principali imputati del pessimo andamento della stagione la crisi economica e il maltempo, particolarmente inclemente durante i fine settimana di giugno e luglio.

A preoccupare maggiormente gli operatori della spiaggia sono però gli annunciati aumenti del 300% dei canoni demaniali il cui pagamento è stato posticipato al 30 ottobre. Rassicurazioni sono giunte oggi, dal Senatore Giampaolo Bettamio, presidente della decima commissione del Senato e dall’onorevole Gianfranco Conte della sesta commissione delle Camera, che stanno affrontando il problema dell’aumento dei Canoni.
Dal palco dell’auditorium della nuova fiera di Rimini, in occasione di SUN la fiera dell’arredamento e delle attrezzature all’aria aperta, i parlamentari hanno ribadito che l’intento del governo è di incassare i 140 milioni di euro, previsti in finanziaria provenienti dalle concessioni.
Il problema è che lo Stato non è ancora in grado di sapere quanto riscuote dalle concessioni e quante esse siano. Il Sib ha avanzato nei giorni scorsi la proposta di una diversificazione delle tariffe in base alle dimensioni degli stabilimenti ed al valore turistico dell’area.
I parlamentari hanno assicurato di riportare in commissione le proposte del sindacato e che sarà sicuramente rinviato il termine del 30 ottobre per il pagamento dei canoni.