Indietro
menu
Cronaca Rimini

Trovato alla stazione super-evaso. Deve scontare 20 anni per omicidio

In foto: Era uscito dal carcere con un permesso ma al momento del rientro ha optato per delle “vacanze” riminesi. E’ stato ritrovato a Rimini e nuovamente condannato per evasione Costantino Petragallo; nel 93 uccise colpendolo con un candelabro il sagrestano della cattedrale di Acquaviva della Fonti.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 9 set 2003 09:14 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’uomo stava scontando 20 anni di carcere nel super carcere di Volterra. A luglio gli era stato concesso un permesso premio, ma non aveva più fatto rientro in carcere. Petragallo ha fatto perdere le proprie tracce fino a sabato scorso quando è stato fermato per un controllo dalla Polfer alla stazione di Rimini. Ieri il giudice unico di Rimini la ha condannato a 5 mesi e 10 giorni di reclusione.
L’uomo si è difeso dicendo che si era dimenticato di tornare in carcere dopo una violenta lite con il fratello e di aver trascorso a Rimini la maggior parte della latitanza. Per l’omicidio del sagrestano la Corte d’Assise di Bari
condannò a 24 anni anche il cognato di Petragallo Michele Carparelli.

Notizie correlate
di Redazione   
di Simona Mulazzani   
VIDEO