Indietro
lunedì 22 aprile 2024
menu
Divisione Regionale 1

Fast Coffee Tigers a Ferrara senza troppi titolari, non riesce l'impresa

In foto: Matteo Bomba (Foto @Alfio Sgroi)
Matteo Bomba (Foto @Alfio Sgroi)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 26 feb 2024 15:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

4 Torri Ferrara-Fast Coffee Villanova Tigers 93-64 (25-16; 46-34; 67-49)

IL TABELLINO
Despar 4 Torri: Bianchi 11, Caselli 7, Pusinanti (c) 1, Beccari 7, Gavagna 3, Bertocco 2, Ciaroni 20, Bonfà 3, Verrigni 19, Ghirelli L. 8, Salih 12. All.: Villani.

Fast Coffee Villanova Tigers: Zannoni (c) 12, Guiducci F. 2, Polverelli, Bomba 19, Guiducci T. n.e., Zanotti 8, Mussoni 10, Raffaelli 10, Bollini 3. All.: Amadori.

Arbitri: Beltrami, Benini.

CRONACA E COMMENTO
Questa volta alla Fast Coffee Villanova Tigers l’impresa non è riuscita. Troppi quattro giocatori indisponibili per reggere l’urto contro la formazione più in forma del campionato di Dr1. 4Torri Ferrara veniva infatti da ben sette vittorie consecutive e sabato in casa ha confermato tutto il suo valore. All’infortunato Filippo Guiducci, per la trasferta estense si è aggiunto l’Mvp dell’ultima vittoria Andrea Buo (tripla doppia nei due tempi supplementari contro Artusiana Forlimpopoli), seguiti dal centro Matteo Polverelli (appena 1 minuto di gioco) e capitan Zannoni, scavigliatosi a metà gara. I padroni di casa, squadra forte fisicamente, molto organizzata e dotata di ottimi tiratori, scappa subito grazie alle giocate del play Bianchi, Verrigni e Ciaroni. I Tigers, però, rispondono colpo su colpo impattando 11-11. Gli amaranto sparano triple come se piovesse e chiudono il primo quarto 25-16. Le Tigri di Villa Verucchio provano ad alternare le difese, ma il gioco maschio di 4Torri ha spesso la meglio e le altissime percentuali di tiro consentono agli estensi di guidare la partita. 46-34 all’intervallo lungo.

Di ritorno dagli spogliatoi, i biancoverdi ospiti partono con un altro piglio, Federico Guiducci alza i giri in regia, e Bomba con tre monumentali triple arriva a -4 e costringe coach al timeout (a 6’). Sei punti consecutivi di Bianchi propiziano un nuovo break (52-43) che questa volta sarà decisivo. Con rotazioni ridotte all’osso, Fe. Guiducci e bomba gravati di falli, i Tigers ci provano ma non riescono a rientrare: 67-49. I biancoverdi ce la mettono tutta ma gli ultimi 10’ sono tutti di marca 4Torri: Ferrara continua a mantenere percentuali ottime, i Tigers hanno mira sbilenca e il divario diventa fin troppo severo. Finisce 93-64.

IL DOPOGARA
“Grande merito agli avversari, squadra in fiducia ben organizzata e davvero molto fisica, han tirato da fuori con percentuali altissime e, in generale, han giocato meglio di noi – ammette il coach delle Tigri, Michele Amadori –. L’uscita di Polverelli a inizio gara ha sicuramente inciso, in una partita così fisica e di livello. Anche l’assenza di Buo, così come quella di Filippo Guiducci, è un gap: due giocatori agonisti e atletici come loro avrebbero prodotto tanto. E Zannoni è stato costretto a uscire per infortunio alla caviglia: senza di lui abbiamo fatto fatica a contenere la loro fisicità. È una sconfitta giusta, molto severa, ma giusta. Il -29 fa male ma deve farci crescere”.

Lo skipper biancoverde guarda avanti. “Ora testa, cuore e muscoli a venerdì 1 marzo in casa contro Omega Basket, squadra che ci ha sconfitti all’andata. Abbiamo un conto in sospeso e dobbiamo immediatamente reagire”.