Indietro
giovedì 30 novembre 2023
menu
Polisportiva Riccione

Il Campionato Nazionale CSEN di Judo al PlayHall di Riccione

In foto: Jahui Lin al Podio
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 20 nov 2023 19:05 ~ ultimo agg. 21 nov 08:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Per il secondo week-end di seguito, Riccione è stato teatro di una manifestazione judoistica di livello nazionale: il Campionato Nazionale CSEN, importantissimo Ente di Promozione Sportiva che raccoglie il maggior numero di iscritti a livello nazionale, soprattutto nell’ambito delle arti marziali, sì è svolto al Play Hall con oltre 1.200 atleti di 130 associazioni sportive provenienti da ogni angolo d’Italia. Una ricaduta importante sul territorio riccionese per alberghi, ristoranti e attività commerciali grazie all’invasione di giovani judoka e delle loro famiglie venute ad assistere i figli e godersi un week-end al mare.

Il judo dello CSEN, guidato dal Maestro Franco Penna con la collaborazione di Roberto Fortunati, ha organizzato questa rilevante manifestazione grazie all’assistenza e all’iniziativa del Maestro Giuseppe Longo della Sezione judo della Polisportiva Riccione.

È stato un week-end ricco di soddisfazioni anche dal punto di vista sportivo per i colori riccionesi. Infatti, la sezione judo ha partecipato alla manifestazione con tutti gli agonisti e 12 preagonisti. Inoltre, ha raccolto diversi prestiti da alcune società con cui ormai da tempo la Sezione judo della Polisportiva Riccione collabora in tutto il territorio nazionale: Judo Imola, Sakura Forlì, Olimpic Judo Asti e Equipe Judo Feltre.

Fra i più giovani protagonisti registriamo la partecipazione dei seguenti atleti: nella classe ragazzi (2012 – 2013), argento per Giulia Matteini, bronzo per Giulia Longo, Margherita Turrini, Giovanni Di Luigi, Greta Valentina e Susanna Ceccarelli. In classe Fanciulli (2014-2015), oro a Michele Di Muro, argento a Dylan Fratesi e Evan Pizzotti, bronzo per Gabriel Fratesi e Isabella De Paola.

Tengo sempre a precisare che nel judo i bambini di questa età non sono agonisti e tutte le manifestazioni a cui partecipiamo hanno carattere educativo. In questa logica il risultato assoluto è sempre relativo. Quello che realmente conta è aiutare i bambini ad affrontare situazioni di stress in modo corretto, gestendo sia la vittoria che la sconfitta con il giusto peso. Dal punto di vista tecnico i bambini hanno risposto bene cercando di mettere in pratica quanto appreso nel corso degli allenamenti“.

Invece, fra le classi agonistiche la sezione judo aveva in gara cinque atleti. Tutte le donne hanno conquistato il gradino più alto del podio. Si tratta di Morgana De Paoli, Sofia Longo ed Elena Amati, mentre Bruno Karamba Badiane e Jahui Lin hanno vinto l’argento.

La gara dell’Ente di promozione per noi è molto importante. Infatti, ci aiuta ad introdurre progressivamente gli atleti meno esperti alle più difficili competizioni federali. Nello specifico Elena Amati (cintura arancione) e Jahui Lin (cintura bianco gialla) hanno potuto competere con ragazzini al loro livello dimostrando che il lavoro sviluppato in palestra sta dando i giusti frutti. Dopo questa eccellente prestazione valuteremo di avviarli anche anche gare federali per la prossima stagione. Per gli atleti più esperti come Bruno e Sofia sono gare di allenamento: in particolare per Sofia questa è stata l’ultima gara prima della finale A1 federale alla quale si presenterà in qualità di testa di serie n. 4, mentre Bruno ha accumulato una importante esperienza in previsione di futuri appuntamenti sportivi. Morgana è l’atleta dal palmares incredibile, con un’esperienza consolidata anche a livello internazionale e la sua presenza al palazzetto serve sempre a tenere uniti gli atleti più giovani per cui è un esempio da seguire e speriamo (aggiungo io da maestro ambizioso) superare per successi” commenta il tecnico della Polisportiva Maestro Giuseppe Longo.

Ufficio stampa Polisportiva Riccione