Indietro
giovedì 20 giugno 2024
menu
Fed. Sammarinese Ginnastica

Buon esordio per Camilla Rossi alla World Cup di Ginnastica Ritmica

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 28 lug 2023 20:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Per la Federazione Sammarinese Ginnastica continua il circuito internazionale targato FIG con la partecipazione alla tappa della World Cup di Ginnastica Ritmica. Esordio per la ginnasta senior Camilla Rossi, classe 2007, che accompagnata dalla sua allenatrice Monica Leardini, da Federica Protti, in qualità di giudice internazionale e dal capo delegazione Maria Rosa Zafferani, ha preso parte all’ultima tappa per i titoli della World Cup 2023 presso il “Mediolanum Forum” di Assago a Milano. Presente alla manifestazione anche il presidente federale Fabrizio Castiglioni.

Nella prima giornata del concorso generale individuale per le qualificazioni al cerchio e palla, nonostante una comprensibile e prevedibile tensione, Camilla ha dimostrato sicurezza e grinta, eseguendo validi esercizi in entrambi gli attrezzi. Al cerchio, grazie ad una buona esecuzione, la ginnasta ha ottenuto un punteggio di 26,350 che l’ha portata a classificarsi in 47ª posizione, lasciandosi alle spalle ben 9 atlete di nazionalità diverse tra cui Andorra, Azerbaijan, Messico e Slovacchia. Grazie ad un elegante esercizio alla palla, pur con qualche imprecisione, Camilla ha ottenuto un punteggio di 24,800, concludendo in 49ª posizione.  Nella seconda giornata le gare con nastro e clavette. L’esercizio al nastro è stato particolarmente apprezzato a livello artistico, grazie all’eleganza di Camilla, consentendole di ottenere la 48ª posizione, mentre alle clavette, a causa di qualche errore di troppo, la ginnasta ha terminato la sua prova in 56ª posizione.

Buon esordio dell’atleta biancazzurra alla prima esperienza nel circuito World Cup, in grado di chiudere la sua gara nella classifica All-Around in 52ª posizione, lasciandosi alle spalle atlete provenienti da nazioni importanti quali Austria, Azerbaigian, Kyrgyistan e Irlanda ed a pochi decimi di differenza da altre atlete.