Indietro
mercoledì 21 febbraio 2024
menu
Progetto da quasi 5 milioni

Nuova piscina coperta da 25 metri per lo Stadio del Nuoto di Riccione

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
gio 23 feb 2023 11:11 ~ ultimo agg. 6 mar 09:35
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una nuova piscina coperta da 25 metri, l’ampliamento del piano vasca di quella esistente da 50 metri e l’efficientamento energetico di tutti gli impianti natatori dello Stadio del nuoto. Saliranno a cinque le vasche a disposizione degli sportivi e degli atleti che scelgono Riccione per le competizioni di livello nazionale e internazionale.

La giunta comunale di Riccione ha approvato ieri (mercoledì) il “Progetto di fattibilità tecnico-economica per la riqualificazione e l’ampliamento dello Stadio del nuoto” del costo stimato di quasi cinque milioni di euro: quattro milioni arriveranno dai fondi del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) mentre 800mila euro, il venti percento della spesa, sono a carico dell’amministrazione comunale.

“Riccione continua a investire negli impianti sportivi che rappresentano un’enorme risorsa per la nostra comunità ed arricchiscono enormemente il potenziale della nostra offerta turistica”, sottolinea la sindaca Daniela Angelini.

“Con grande orgoglio e soddisfazione – dice l’assessore allo Sport del Comune di Riccione, Simone Imolarealizzeremo una struttura di grande utilità sia per chi frequenta lo Stadio del nuoto, usufruendo dei corsi offerti soprattutto dalla Polisportiva, sia per gli atleti che gareggiano a Riccione”.

La quinta vasca potrà essere sia indipendente che collegata a quella principale
La quinta vasca verrà realizzata a fianco di quella olimpionica coperta. Sul lato nord del fabbricato verrà creato un collegamento coperto con una struttura leggera ed in aderenza a quella esistente, per collegare stabilmente e senza interferenze la piscina olimpionica a quella nuova. “In pratica – argomenta l’assessore – la piscina coperta che andremo a realizzare potrà essere impiegata sia come struttura indipendente, dato che avrà un proprio ingresso e spogliatoi, sia come complementare a quella più grande già esistente”.

Grazie a questa nuova struttura non sarà più necessario sospendere i corsi o il nuoto libero nelle giornate in cui lo Stadio del nuoto ospita le competizioni. “Non solo, potremo ulteriormente ampliare la gamma dei servizi che già vengono offerti al pubblico”.

La giunta precedente aveva ipotizzato di coprire la piscina olimpionica dotata di tribune e spogliatoi. “Sarebbe stato antieconomico – sottolinea l’assessore -. Abbiamo preferito fare ripartire completamente la progettazione, andando a intercettare i fondi del Pnrr. Ringrazio per l’intenso lavoro svolto l’architetto Paolo Mele del settore Lavori pubblici, l’ex dirigente Baldino Gaddi e l’attuale dirigente Tecla Mambelli: tutti hanno profuso un grande impegno, consentendo all’amministrazione di portare a termine l’attività di progettazione in tempi davvero record”.

Si amplia il piano vasca della piscina olimpionica coperta
Anche la piscina olimpionica coperta esistente sarà oggetto di lavori. “Amplieremo il piano vasca – spiega Imolaper dare risposta a una precisa esistenza degli atleti. Al momento siamo costretti a far sostare sulle tribune i nuotatori in attesa di gareggiare. Estendendo la superficie del piano vasca sul lato di fronte alle tribune, chi partecipa alle gare troverà uno spazio adeguato alle proprie esigenze. Questo intervento consentirà allo Stadio del nuoto di Riccione di ospitare al meglio i grandi eventi internazionali e di rappresentare sempre di più la casa della Federazione italiana nuoto con la quale c’è grande collaborazione”.

La progettazione dell’intervento di riqualificazione e di ampliamento è stata condivisa con i rappresentati delle società sportive che gestiscono l’impianto, in particolare con la Polisportiva comunale, “a cui va il pieno ringraziamento dell’amministrazione”, aggiunge Imola.

Meno consumi, meno costi: l’efficientamento energetico
In occasione dei lavori per la realizzazione della nuova piscina e dell’ampliamento del piano vasca di quella principale saranno realizzati lavori per l’efficientamento energetico di tutti gli impianti. “Il nuovo impianto verrà realizzato, ovviamente, con un’impiantistica aggiornata – conclude l’assessore allo Sport -. Durante l’attività del cantiere verrà effettuato anche un aggiornamento degli impianti delle strutture esistenti che sono particolarmente energivori e finiscono per mettere in difficoltà la gestione economica delle strutture”.

I lavori dovranno essere eseguiti entro la primavera del 2026 come prescritto dai bandi del Pnrr.