Indietro
menu
i numeri della Polizia Locale

Alcol e droga al volante, numeri ancora preoccupanti. La campagna 'Fermami amico'

In foto: la conferenza stampa
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
gio 15 dic 2022 19:07 ~ ultimo agg. 16 dic 11:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dai report fornito dalla Polizia Locale di Rimini, nel 2021 sono stati complessivamente 55 gli incidenti stradali rilevati in cui sono state elevate sanzioni per guida in stato di ebbrezza o perché è stata riscontrata alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti.

Un dato che confrontato con gli incidenti registrati nell’anno in corso fino ad oggi, segna un lieve calo, con 33 sinistri rilevati, di cui 27 causati per guida in stato d’ebrezza e 6 per uso di sostanze stupefacenti. Una sensibile diminuzione a fronte di un aumento dei controlli fatti su strada con etilometro, dalla Polizia Locale, nei tanti servizi svolti per la sicurezza della circolazione, che complessivamente si sono attestati a  2216 (erano 1972 nel 2021).

Dal report emerge anche però il dato delle sanzioni notificate con misurazione da etilometro, in questo caso in progressivo aumento, se si pensa che sono state 221 le violazioni accertate fino al 31 ottobre scorso, di cui 132 amministrative e 89 penali (erano 202 le sanzioni fatte nei 12 mesi del 2021); 180 invece le patenti ritirate nel 2022 finora (erano 144 nel 2021).  Da rilevare anche il dato riguardante la guida in stati d’ebrezza per i neopatentati, che nell’anno in corso ha registrato ad oggi 27 violazioni di cui 16 con ritiro della patente.

La Polizia Locale sottolinea inoltre l’impossibilità, da parte della pattuglia che opera  sulla strada, di riscontrare l’uso delle sostanze stupefacenti a meno che non venga fatto l’esame del sangue, cosa che viene eseguita solo nel caso di incidenti stradali. Con l’ausilio invece del laboratorio mobile questo accertamento può essere seguito con le strumentazioni d’analisi in dotazione e quindi é possibile in questo caso, riscontare in tempo reale la violazione all’articolo 187 del CdS.

I controlli della Polizia Locale di Rimini riguardano anche la vendita abusiva di alcolici, allo scopo di rompere sin dal principio la catena di comportamenti che aumenta il rischio di incidentalità sulle strade. Su questo fronte nel corso dell’anno, in particolare durante la stagione estiva, sono stati 352 i servizi di controlli condotti dagli uomini in borghese della Polizia Locale di Rimini, che hanno portato a rilevare 43 infrazioni dalla Polizia Locale per vendita di bevande alcoliche dopo l’orario consentito (cioè dopo le ore 22 per le bevande in vetro, dopo mezzanotte per tutti gli alcolici) e per vendita di alcol a minori. Due invece i provvedimenti di chiusura disposti dalla Procura di Rimini per altrettanti minimarket della zona mare a seguito del ripetersi delle violazioni.

Per contrastare il fenomeno, il Comune di Rimini, assieme a quelli di Riccione, Cattolica e Bellaria-Igea Marina, all’Unione Valmarecchia, all’Ausl Romagna e al campus dell’Università di Bologna, mette in campo una strategia a 360 gradi attraverso il progetto “Fermami amico” finanziato con quasi 290.000 euro dalla presidenza del Consiglio dei ministri. “Un’attività importante”, sottolinea l’assessore alla Sicurezza del Comune di Rimini Juri Magrini, proprio perché si sviluppa su più piani coinvolgendo diversi soggetti: più controlli da parte delle Forze dell’ordine; campagne di sensibilizzazione con un linguaggio smart; incontri nelle scuole e non solo per riflettere.

I numeri degli incidenti legati alla guida in stato di ebrezza quest’anno sono in “lieve calo”, sottolinea l’assessore con un messaggio chiaro: “Quando si guida serve consapevolezza”. Più nel dettaglio delle diverse azioni entra il funzionario della Polizia locale Mariacarla Tavella: “Fermami amico è il grido di una persona che sta per mettersi alla guida non essendo in forma perfetta”. Così sono stati realizzati 20 brevi videoclip da Daniela Luparelli e Simone Felici con i “1.000 mila modi per impedire di guidare a un amico sballato”, che verranno passati sul canale youtube della Polizia locale di Rimini e sui social dei Comuni coinvolti, oltre a uno più lungo dai videomaker riminesi “I Caimani” per le televisioni private. L’obiettivo è sensibilizzare giovani e meno giovani a fermare una persona che si mette alla guida dopo avere bevuto, anche per una semplice pizza in famiglia.

Gli studenti della quinta T del liceo Serpieri sono stati invece coinvolti in un percorso di educazione-prevenzione per la realizzazione del logo della campagna. Agli enti locali partner, prosegue Tavella, è stato donato un etilometro di ultima generazione ed è stato acquistato un nuovo ufficio mobile per intensificare i controlli lungo le strade, anche grazie a un laboratorio di analisi mobile di ultima generazione. Nelle azioni sulla prevenzione l’Ausl Romagna, spiega direttore di Dipendenze patologiche Teo Vignali, “adottiamo una logica non giudicante, coercitiva e punitiva, cerchiamo di fare ragionare e riflettere le persone”: nelle scuole ecco allora il progetto “Droghe a 360 gradi” con coinvolti 145 ragazzi, tre istituti superiori e tre centri giovanili, nel creare racconti sul rischio di mettersi alla guida sballati che verranno “tradotti in video 3D per ulteriori azioni di prevenzione”. Con “Guidami a guidarti” protagoniste invece le scuole guida: otto corsi per 80 persone per “un momento di riflessione e informazione su queste tematiche” e per i “più performanti” un corso di guida sicura all’autodromo di Misano. Infine con “Riguardati… tra chiacchiere e caffè” un camper ha fatto tappa nei luoghi di divertimenti per sensibilizzare i giovani con questionario, discussione e alcol test. In cinque uscite sono stati contattati 200 cittadini. Della partita è anche la facoltà di Statistica che analizzerà tutti i dati raccolti sugli incidenti stradali legati ad alcol e droga, anche attraverso indagini sul campo. Tra gli universitari sui fattori di scelta nel mettersi alla guida ubriachi; tra 500 cittadini e tra i minori sulla percezione del fenomeno. Il prossimo magio si tireranno le somme delle diverse iniziative.