Indietro
domenica 29 gennaio 2023
menu
Il sano agonismo

Sportività: il derby Rimini-Cesena visto da Mery Mulazzani

In foto: Maria Antonietta Mulazzani al "Neri" durante Rimini-Cesena di Coppa Italia
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 1 nov 2022 22:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Quando si parla di calcio, soprattutto per i non appassionati, si fa fatica ad andare quel poco oltre da vedere unicamente il sano agonismo, che anzi spesso viene confuso per mancanza di sportività.

In partite sentite, dalla squadra e dal tifo, rispetto ad altre, come nel caso di Rimini-Cesena, proprio tutti i cittadini notano qualcosa di diverso: le strade bloccate per il passaggio degli ultras, le file fuori dallo stadio e pochi in circolazione in quelle ore.

Una sorta di magia, di tensione, di unione ma allo stesso tempo di competizione, senza dimenticare, sotto sotto, che siamo solo parte, e lo siamo tutti, di un qualcosa che è molto più grande.

Dietro ad una partita ci sono persone che gestiscono, che lavorano, e poi ci sono gli appassionati, e sarebbe bello insegnare agli scettici che non sanno cosa sia il rispetto che anche se ci animiamo, anche se sulle tribune urliamo, per noi è bello vedere i giocatori con maglie diverse aiutare l’altro a rialzarsi da terra, e alla fine stringersi la mano, perché fa anche questo parte delle regole non scritte del grande gioco nel rettangolo.

In campo i professionisti sudano sette camicie, spingono sulle gambe fino allo stremo delle forze e tra loro magari si scontrano, ma con i tre fischi finali, che si festeggi o che si pianga, tutti tornano a casa, tifosi e calciatori, e dopo un po’ magari non ci si ricorda di un’azione precisa, perché non è quella a scuoterci, ci si ricorda invece di un evento di solidarietà sportiva, soprattutto se fra avversari di squadre rivali, perché alcuni gesti toccano come persone e non solo per i 90 minuti.

Chiaramente, come in tutte le situazioni, non si può generalizzare, e nemmeno fare eccessivo moralismo; siamo umani: amiamo, gridiamo, cantiamo e spesso ci arrabbiamo, ma allo stadio ci entriamo tutti passando dalla stessa porta. Lo sport educa, non separa.

Maria Antonietta Mulazzani

Altre notizie
di Icaro Sport
di Roberto Bonfantini
VIDEO
di Icaro Sport
VIDEO