Indietro
martedì 31 gennaio 2023
menu
Volley C Femminile

Retina Cattolica-Emanuel Riviera volley Rimini 1-3

In foto: Emanuel Riviera Volley Rimini
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 23 ott 2022 16:19 ~ ultimo agg. 24 ott 03:20
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Retina Cattolica-Emanuel Riviera Volley Rimini 1-3 (23/25; 19/25; 25/23; 20/25)

TABELLINO RIVIERA VOLLEY: Fiorucci 0, Orsi11, Catalano 3, Morelli 20, Morettini 14, Magi 12, Pasolini 3, Sangoi 6, Marconato 3.

Arbitri: Drei Marco e Morini Marco.

Ace: Riviera5 – Cattolica 5
Battute sbagliate: Riviera 11 – Cattolica 9
Muri: Riviera 5 – Cattolica 4
Errori: Riviera 16 – Cattolica 17
Attacchi punto: Riviera 62 – Cattolica 49
Riviera: ricezione 70% – Attacco 40%

Sarà solo un gioco, sarà solo uno sport secondario, ma quando si ha la fortuna di assistere a una gara/derby di volley come quella di sabato sera, giocata al Palasport di Cattolica, per un attimo ci si può dimenticare delle guerre, delle miserie del mondo, dei problemi giornalieri.

Una boccata di ossigeno e un paio d’ore senza pensare ai nostri problemi quotidiani, ma solo allo spettacolo offerto dalle due squadre, una, la ospitante, giovane composta di ragazze di “belle speranze” e l’altra, l’ospite, con una media di età un po’ più alta e con una esperienza di poco superiore ma sufficiente per fare alla fine la differenza.

Quattro set giocati sempre punto a punto con tentativi di stacco da una parte e dall’altra mai riusciti in pieno. Brave le difese il cui titolo, forse, per usare un termine pugilistico, sarebbe da assegnare alle atlete del Cattolica, buone le soluzioni in attacco dove primeggiano due giovanissime, Fabbri Elisa per la Retina e Morelli Giulia per il Riviera; buone le prestazioni dei due liberi Bigucci (Cattolica) e Forlani (Riviera col 87% di positività), ma dove, probabilmente, è uscita la differenza, è stata nei centrali con netto predominio di Rimini con la coppia, all’inizio, Sangoi/Pasolini e poi Orsi/Sangoi.

Partita sentita da entrambe le compagini con gli allenatori che hanno sciorinato e sfruttato gran parte delle capacità delle rispettive squadre pur rispettando tutte le fonti di sportività, soprattutto per alcuni punti dubbi fischiati dagli arbitri e contestati dal pubblico e, quindi, subito silenziati.

Come scritto all’inizio, c’è stata una sostanziale parità ad esclusione del terzo set in cui Rimini ha sbagliato di più non riuscendo poi ad annullare il margine, seppur piccolo, guadagnato dalla Retina e nel quarto set in cui, arrivati alla fine del periodo in sostanziale pareggio (19-19), è andata in battuta la centrale Sangoi che con un ace e continuando a mettere in difficoltà la ricezione delle padrone di casa con le battute finali, ha impedito loro di costruire favorevoli azioni di attacco alle avversarie, facilitando la brava regista Catalano (che ieri ha percorso le 1000 miglia) e il potere di attacco di Morellini, Magi coadiuvata anche dalla nuova entreè Marconato.

Ancora una volta tutte le ragazze di coach Bazzocchi, anche quelle non presenti nel sestetto base, hanno risposto all’atto della chiamata, mentre le giovani di coach Albani faranno sentire sicuramente la loro voce nelle future partite.

Grinta e caparbietà sono state premianti per le ragazze del Riviera a cui ci uniamo per fare loro i complimenti dello staff e di tutta la società per non aver mai mollato neppure nei momenti più complicati.

E sabato, alla Casa del volley alle 17:30, incontro di vertice con Faenza, una delle compagini più in forma e una delle più accreditate al successo di fine stagione.

Altre notizie
di Icaro Sport
FOTO