Indietro
venerdì 7 ottobre 2022
menu
Campionato Sammarinese

Cinque assenti per la Juvenes-Dogana nella sfida al La Fiorita

In foto: Amati (@FSGC)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 16 set 2022 16:30
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una Juvenes-Dogana incerottata si presenta alla prima sfida con una squadra di vertice. Per il terzo turno di campionato, in cui l’avversario sarà La Fiorita, campione in carica, il club di Serravalle avrà ben cinque assenti, tra infortuni, malanni di stagione e problemi pregressi.

“Mancheranno il capitano Michele Cevoli e Gabriele Ciccarelli, che hanno subito degli infortuni muscolari nel secondo turno, Alberto Baldazzi, che nella stessa partita ha ricevuto una botta, Davide Merli, il quale sta seguendo una terapia per un problema al piede che lo tormenta da tempo, e Nicholas Lisi, febbricitante – spiega l’allenatore, Manuel Amati -. Al centro della difesa ci sarà Maicol Acquarelli, già entrato contro il Domganano, giocando un’ottima partita, e lo farà da capitano, mentre Federico Muccioli tornerà a disposizione, ma viene da un lungo stop, quindi è ancora un po’ presto per lanciarlo da subito”.

Secondo Amati, l’incontro che si svolgerà sabato, alle 15, allo stadio Federico Crescentini di Fiorentino, sarà “un primo test importante per capire quale sia il reale distacco tra noi e le squadre di vertice. Parliamo di una formazione che ha fatto l’abbonamento alle finali di campionato e coppa, quindi ci darà un po’ il metro di ciò che possiamo essere, anche se sarebbe stato bello affrontarlo a rosa completa, visto che mancheranno calciatori che finora hanno sempre giocato, da titolari o subentrando. Sarebbe stata una verifica più attendibile. Chi andrà in campo, però, è comunque gente voluta e desiderata dal nostro club, quindi i calciatori saranno chiamati a dimostrare di essere all’altezza dei ruoli che ricopriranno. Questa è l’ultima cartuccia prima della sosta, che ci permetterà di recuperare gli infortunati, quindi non avremo nulla da risparmiare: spenderemo tutte le energie, per poi ricaricarci in vista della ripresa con il Murata”.