Indietro
sabato 2 luglio 2022
menu
Nuoto in acque libere

Oltre 500 nuotatori da 21 nazioni: Cattolica pronta per Oceanman

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 5 minuti
ven 27 mag 2022 16:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 5 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono oltre 500 e provengono da 21 nazioni gli atleti che stanno arrivando in queste ore a Cattolica pronti a immergersi nelle acque davanti alla Piazza del Tramonto e a nuotare verso il famoso Acquario, lungo tutta la costa contendendosi la vittoria della gara più famosa al mondo per il nuoto in acque libere, Oceanman Cattolica, Emilia Romagna – Italy.

Si tratta di un evento internazionale che porta lo stesso format di gara, regolamento e distanze in giro per il mondo; ad idearlo un team spagnolo che già dal 2015 si è imposto come leader a livello globale. Solo le migliori destinazioni possono accogliere l’evento: Cattolica è fra queste anche per il 2022 insieme, solo per citarne alcune, a Phuket in Thailandia, a San Andrés in Colombia, a Madeira in Portogallo e Cozumel in Messico.

A portare la cittadina romagnola all’attenzione degli organizzatori di OCEANMAN è stata una associazione cattolichina di sportivi, organizzatori, manager e nuotatori: la Sharkman Asd, presieduta da Mark Meldau. “Abbiamo duplicato i numeri dello scorso anno – spiega l’atleta e manager – sulla linea di partenza, pronti a gareggiare nelle acque di Cattolica, atleti italiani certamente ma oltre la metà stranieri, sia europei (francesi e spagnoli in primis) che extra-EU (Equador, Turchia, Emirati Arabi Uniti, Colombia, Thailandia).”

Un grande orgoglio per la Regione Emilia Romagna come testimoniano le parole di Giammaria Manghi – Sottosegretario alla Presidenza della Giunta della Regione Emilia-Romagna che, portando i saluti del presidente Bonaccini, sottolinea come “anche quest’anno la Regione Emilia Romagna è felice di sostenere la tappa di Cattolica di Oceanman grazie alla quale il nostro territorio si conferma a tutti gli effetti Sport Valley di respiro internazionale, in questo caso grazie ad una competizione di nuoto in acque libere. Sono certo che le centinaia di atlete e di atleti che provengono da diversi Paesi del mondo, insieme ai loro accompagnatori, troveranno accoglienza e organizzazione sportiva di grande livello. Del resto, negli ultimi anni, l’impegno della Regione Emilia-Romagna nella promozione dello sport di base e di grandi eventi sportivi è costantemente cresciuto, determinando l’attenzione crescente di Federazioni e Promotori di primo livello. Un ringraziamento quindi agli organizzatori ed un in bocca al lupo a tutti coloro che prenderanno parte alle competizioni previste.”

“Siamo orgogliosi di essere la destinazione di mare scelta in Italia da questo team internazionale – sottolinea la Sindaca di Cattolica Franca Foronchila nostra ospitalità, cattolichina e romagnola, è famosa nel mondo e desideriamo offrire la migliore accoglienza ad atleti, organi di stampa e appassionati. Siamo al fianco degli organizzatori oggi e in futuro, il mese di Maggio è stato dedicato allo sport e questo weekend si apre con un’energia contagiosa.”

Una darsena che non teme confronti quella che ospita questo evento, come la descrive Alessandro Belluzzi, vicesindaco del Comune di Cattolica, un luogo capace di ospitare relax, turismo e sport, come sottolinea l’assessore allo Sport Federico Vaccarini.

Infatti Cattolica si riconferma apprezzatissima “crediamo molto in questa gara e nel suo sviluppo internazionale – dice Bohdana Melnychuk, in rappresentanza del team spagnolo –, uniamo mare, entroterra, cucina e cultura. Una destinazione che può ancora crescere e che siamo orgogliosi di presentare al mondo nel nostro circuito Cattolica e la Regione Emilia Romagna”.

E di crescita parla anche Nicoletta Olivieri, presidente del Comitato Fronte del Porto “un neonato comitato che però ha voluto creare un sistema di accoglienza per gli atleti, menù, convenzioni e attenzioni dedicate”.

La manifestazione, che viene realizzata grazie al supporto della Regione Emilia Romagna e del Comune di Cattolica, offrirà ad atleti ed appassionati un mix di sport, natura e divertimento oltre alla possibilità di scoprire un territorio, quello di Cattolica e della Romagna, in cui il binomio costa ed entroterra strizza da sempre l’occhio allo sport. A Cristina Bracci, hospitality manager, i ringraziamenti del team, plaudono a questo sistema così coeso Roberto Rinaldi e Luca Sottini, direttore di gara del Lago d’Orta, l’altra tappa di Oceanman Italy.

Il programma è intenso: si inizia già oggi pomeriggio alle 17 con la charity race, la gara di beneficienza dedicata alla pace, il cui ricavato andrà a sostegno delle popolazioni colpite dalla guerra. Un gesto che assume un rilievo anche simbolico ed una gara che prepara la grande giornata del main event.

Sabato 28 maggio la giornata di gare inizia davanti a Gente di Mare con la partenza alle 8 della gara principale, Oceanman la 10 km, a seguire alle ore 9 saranno al via gli atleti della 5km, la gara half Oceanman, e alle 14.30 sarà il momento della gara Sprint da 2km. Alle 16 saranno i piccoli atleti a tuffarsi in mare per la gara kids sulla distanza dei 500 m, seguiti dalla tanto attesa staffetta, 800 metri per tre atleti a team.

Una giornata ricca di appuntamenti all’area expo allestita grazie al supporto del Comitato Fronte del Porto ed aperta al pubblico oltre che agli atleti che si concluderà dopo le premiazioni con il Beach Party al Lamparino, inaugurando l’estate e l movida cattolichina con la community internazionale degli amanti del mare.

Un territorio quello di Cattolica in cui pubblico e privato stanno collaborando per offrire non solo una gara sicura e ad altissimo livello ma anche una esperienza turistica, ludica ed enogastronomica: questo quanto emerso dall’intervento di Filippo Magnani, leader della Sharkman Asd e referente per il Consorzio Turstico Riviera Sport 365 e per l’occasione anche di Federalberghi Cattolica.

Supporto all’evento ad ampio raggio: parla di territorio Dario Mancini, il direttore della Banca Popolare Valconca, vicina da sempre ad un territorio ampio e meritevole di attenzioni, cita lo Stato al fianco degli organizzatori e di tutela del mare il Comandante Spanò della Guardia Costiera, ringrazia il team in acqua pronto sin dall’alba Daniele Verni del Circolo Nautico di Cattolica.

La sicurezza in mare e su terraferma sono fattori decisivi per gare di livello mondiale come Oceanman. E se Cattolica è stata scelta per il secondo anno consecutivo come sede di quest’avvincente gara, uno dei motivi è stato proprio l’aver garantito nel 2021 una sicurezza totale sia per i concorrenti, sia per il pubblico. E anche quest’anno l’organizzazione non sarà da meno. A coordinare il tutto saranno gli uomini della Questura di Rimini mentre due vedette costiere della Guardia di Finanza soprassiederanno al lavoro di tutti i mezzi navali. Fra questi, saranno presenti unità della Capitaneria di Porto / Guardia Costiera di Rimini coadiuvati dai loro colleghi dislocati a Cattolica.

Ci saranno anche numerose moto d’acqua. Queste sono i mezzi più agili nel caso si debba prestare soccorso e alcune saranno attrezzate con speciali barelle che faciliteranno il compito di chi interviene. La Questura di Rimini non si limiterà al solo compito di coordinamento ma scenderà in acqua con le moto della Polizia di Stato. A dare manforte, anche altre moto della Questura di Venezia. Il lavoro delle moto d’acqua sarà coordinato dalla Scuola federale per il Soccorso con Moto d’Acqua della Fisa, la Federazione italiana Salvamento Acquatico, nella persona del Maestro di Salvamento Paolo Bratti. La Fisa, forte della sua esperienza in questo tipo di manifestazioni, metterà a disposizione anche del personale specializzato che sarà imbarcato su dei gommoni messi a disposizione dal Club Nautico di Cattolica.

Alle forze in campo, va aggiunto sia il lavoro che da terra garantiranno i mezzi e il personale sanitario e i volontari della Croce Verde; sia l’opera degli Assistenti Bagnanti del Consorzio Bagnini di Cattolica e della Cooperativa il Gabbiano il cui compito sarà vitale perché sono i professionisti che più di tutti conoscono il litorale, i fondali e le correnti delle acque antistanti la Regina dell’Adriatico. In conclusione, niente è stato lasciato al caso per garantire la necessaria sicurezza della manifestazione.

A supporto dell’iniziativa non solo il Comune di Cattolica, la Regione Emilia Romagna, APT servizi e VisitRomagna ma anche una pluralità di partner locali ed una fitta rete territoriale che sta davvero portando nel mondo il nome di Cattolica e della Romagna grazie ad Oceanman ed all’amore per il mare.