Indietro
giovedì 19 maggio 2022
menu
Calcio Serie D

Rimini-Fanfulla 2-1, le pagelle di Nicola Strazzacapa

In foto: I biancorossi fanno festa dopo l'1-0 di Gabbianelli
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 3 apr 2022 18:42 ~ ultimo agg. 4 apr 16:52
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

MARIETTA 7. Disinnesca il destro velenoso di Spaviero nell’angolino basso e a inizio ripresa il sinistro da lontano di Laribi, poi si supera sul tiro di Baggi da centro area con la mano di richiamo e conserva il doppio vantaggio. Gli altri tiri sono più morbidi e li addomestica con grande sicurezza, mentre non può nulla sul destro a giro dello stesso Spaviero nel finale. Under… over!

CARBONI 7. Sporca i guanti a Cizza con una girata su imbeccata di Gabbianelli da palla inattiva, ma sporca più che altro ogni traiettoria del Fanfulla e pulisce ogni ripartenza facendo ripartire l’azione con piede educato e precisione. Mette la testa nel 2-0, costringendo Cottarelli all’autorete per anticipare Pietrangeli dopo la sua spiazzata. Nocchiero!

PIETRANGELI 7. Solito muro dietro e solito killer instinct nell’area avversaria: mette la gara in ghiaccio gettandosi come un topo sul formaggio sul corner di Gabbianelli e costringe Cottarelli all’autogol nella stessa porta della gara decisa con il Mezzolara. Dietro mette invece la museruola a ogni attaccante ospite con tempismo e decisione, confermando un rendimento in costante crescendo che ne fa un vero punto di forza. Cambiale!

CONTESSA 6.5. Piscitella lo lascia quasi sempre solo a fronteggiare le rare scorribande ospiti, lui presidia le sue zolle con abnegazione senza troppi svolazzi e con sana concretezza. Affidabile!

DERATTI 6. Fa l’esterno di centrocampo con licenza di spingere e al 20’ buttandosi dentro sfiora il raddoppio con una bella girata di sinistro. È la punta dell’iceberg di novanta minuti senza patemi, con una buona spinta quando serve e sano presidio della fascia quando la palla ce l’ha il Fanfulla. Finisce con i crampi e Gaburro chiude con Lo Duca. Attento!

TANASA 6.5. Solito lavoro di raccordo e cucitura, ma senza disdegnare la percussione centrale con cui al minuto 35’ si guadagna la chance per il raddoppio: il destro volante esce un po’ schiacciato e il 2-0 finisce alle ortiche. Amministra ogni pallone, anima il pressing ed è in raddoppio costante. Centro di gravità permanente!

CALLEGARO 6. Gara senza acuti e senza pecche, da ordinaria amministrazione nel cuore di un 3-4-3 che richiedeva soprattutto senso della posizione e attenzione. A parte un’ingenuità a inizio ripresa nello stretto, esibisce entrambe e si guadagna la pagnotta. Presente!

PISCITELLA 6. Ha vissuto giornate e periodi migliori, ma oggi non c’è stato bisogno dei suoi cambi di campo devastanti e ha potuto godere di un pomeriggio quasi ordinario. Fa quello che deve, senza dedicarsi agli straordinari e alla… fase difensiva. Sufficiente!

FERRARA 6. Parte nel tridente davanti a Piscitella e scambia spesso e volentieri con il “gemello” e Piscitella per una manovra biancorossa che pende molto a sinistra. Esce dopo più di un’ora senza conclusioni verso la porta ospite e questa è la fotografia di una gara un po’ sotto i suoi standard. Non mancano però giocate intelligenti e qualche spunto dei suoi. Luci e ombre!

GABBIANELLI 7.5. Pronti, via e indirizza subito le cose nel verso giusto ricamando una punizione sul palo lungo per l’1-0 di granito con la 13esima perla stagionale. Poi svaria ovunque, prende palla da tutti e si diverte e diverte con qualche giocata da prestigiatore. Faro!

GERMINALE 6.5. Si piazza al centro delle operazioni d’attacco e spizza o appoggia tutti i palloni giocabili. Al 22’ ruba il tempo alla difesa e si presenta a tu per tu con Cizza finendo per le terre e facendo gridare al rigore (ed espulsione): non fa una piega, torna a battagliare. Per 70 minuti arriva su tutti i palloni che gravitano dalle sue parti, poi chiude con il fiatone un’altra gara positiva ma non molla di un centimetro con un generosità da esempio. Riferimento!

11’ st GRESELIN 6. Ritrova il campo e Gaburro gli regala una mezzoretta abbondante per riprendere confidenza, per sua sfortuna in una fase in cui il Rimini si limita ad addormentare la sfida e non ha continuità di manovra: alterna così cose buone e meno buone. Recupero importante.

21’ st ARLOTTI 6. Mette nel serbatoio della condizione minuti preziosi e va vicino al primo gol post infortunio con una bella percussione centrale e un destro in corsa che costringe Cizza a salvarsi in corner.

34’ st PANELLI 6. Entra per blindare i tre punti e ci mette il suo mattoncino.

34’st PECCI 6. Dove lo metti sta, giocandosi alla morte anche lo spezzone più minuto: dopo un recupero difensivo in pieno recupero esulta come per un gol e in quella grinta c’è la fotografia del suo cuore biancorosso.

41’ st LO DUCA SV.

GABURRO 8. Inizia con il 3-4-3 che dà ampia libertà di “uccidere” a Gabbianelli, trova risposte da quasi ogni interprete che getta nella mischia e amministra uomini, schieramenti e cambi con padronanza assoluta. Dà minuti importanti ad Arlotti e Greselin, chiede un sacrificio fisico a Germinale e orchestra il gruppo a piacimento. L’incredibile rendimento interno (14 vittorie e un pareggio per 43 punti su 45) e la settima vittoria consecutiva ne sono la naturale conseguenza. Merita un otto tondo tondo, come i punti di vantaggio con cui si presenterà domenica prossima al “Benelli” di Ravenna.

Nicola Strazzacapa