Indietro
lunedì 23 maggio 2022
menu
Campionato Sammarinese

Murata, mercoledì nuova dura sfida contro La Fiorita

In foto: Achille Fabbri, allenatore della S.S. Murata
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 5 apr 2022 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Grazie al pareggio contro il Tre Fiori per 0-0 e il contemporaneo capitombolo di Cailungo e San Giovanni, il Murata ha fatto un altro piccolo passo verso i playoff allungando a +5 sulla prima e mettendosi alle spalle la seconda anche se di un solo punto. Ma non c’è da esultare troppo perché entrambi gli avversari hanno una partita in meno e il calendario propone al Murata subito un altro match da far tremare i polsi: la sfida di mercoledì (21,15, campo di Domagnano) contro La Fiorita, la nuova leader della classifica e sabato prossimo nuova sfida a Fiorentino (ore 15) contro il sorprendente Faetano.

Mister Achille Fabbri, come ha visto la squadra contro il Tre Fiori?
“La sosta ci ha fatto recuperare energie preziose ed in campo si è visto. In più abbiamo recuperato Comuniello dall’infortunio: la sua condizione non è certo ottimale, ha giocato uno spezzone, ma la sua presenza è importante. Purtroppo siamo di nuovo in apnea: il portiere Benedettini sarà squalificato come Carlo Valentini, entrambi ammoniti. Ho di nuovo gli uomini contati, ma questa purtroppo non è una novità”.

E poi?
“La squadra ha interpretato al meglio la partita, sapevamo che ci sarebbe stato da stringere i denti e così è stato, abbiamo concesso qualcosa al Tre Fiori ma non più di tanto e anche il Murata con un paio di ripartenza avremmo potuto fare male, ma non le abbiamo finalizzate al meglio. Comunque il pareggio ci ha permesso di mantenere un margine di vantaggio sulle dirette rivali, il che non significa che possiamo affatto stare tranquilli visto che San Giovanni e Cailungo, che comunque si dovranno affrontare nello scontro diretto, hanno una partita in meno rispetto a noi e un calendario meno complicato”.

Balza all’occhio che la sua squadra ha rispetto alle altre squadre il maggior numero di pareggi (dieci di cui nove a reti bianche) e nelle ultime sette partite ha collezionato quattro 0-0.
“È vero, pur giocando con tre attaccanti in fase offensiva ci è mancato il colpo decisivo, ma è anche vero che ci ha detto male in certi frangenti e sono convinto che la rete arriverà magari creando e credendoci un po’ di più. Guardo, però, l’altra faccia della medaglia, ossia la solidità della squadra in fase difensiva: otto formazioni hanno subito più reti del Murata. La cosa positiva è la forte applicazione dei miei giocatori, i giocatori sono rimasti concentrati sui loro compiti e questo è un buon segnale in vista del rush finale in cui dovremo fare uno o meglio ancora, più risultati importanti per arrivare nel porto dei playoff e non dover sperare nei risultati delle rivali dirette”.

Si comincia con La Fiorita nuova capolista…
“È la squadra più forte del campionato, ha la difesa meno battuta e una rosa profonda e ricca di esperienza e qualità in tutti i ruoli e di cui fanno parte numerosi giocatori che hanno militato tra i professionisti. Sarà un’altra battaglia”.