Indietro
sabato 21 maggio 2022
menu
Calcio Femminile B

San Marino Academy-Pro Sesto 1-1

In foto: ©SMAcademy
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
lun 14 mar 2022 01:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Serie B Femminile, 12. giornata (recupero) | San Marino Academy-Pro Sesto 1-1

IL TABELLINO
SAN MARINO ACADEMY (4-2-3-1): Montanari; Marrone, Montalti, Venturini, M. Piazza; Fusar Poli (dall’85’ Baldini), Brambilla; Menin, Bertolotti (dal 58’ Kuenrath), Papaleo (dal 46’ Massa); Barbieri. A disposizione: A. Piazza, Nozzi, Pirini, Cardona, Cecchini, Desiati. Allenatore: Alain Conte.

PRO SESTO (4-3-3): Ricciardi; Dellacqua, Melodia, M. Tugnoli, Grumelli; Fracas (dal 60’ Abati), Marasco, Scuratti; Ploner (dal 79’ Possenti), Mariani, Leonessi. A disposizione: Selmi, Barletta, Mauri, Senger, Carabetta, Pedrazzani, Gargan. Allenatore: Maria Macri.

Arbitro: Stefano Giordani di Grosseto.
Assistenti: Nicola Di Meo e Vincenzo Russo di Nichelino.

Reti: 15’ Mariani, 42’ Barbieri.

Ammonite: Fusar Poli, Scuratti.

CRONACA E COMMENTO
Terza partita in settimana per la San Marino Academy, reduce dai successi esterni con Como e Roma CF. Oggi ad Acquaviva, si è aperto un trittico di incontri casalinghi che culminerà nella sfida di domenica prossima, la seconda consecutiva tra le mura amiche, con il Brescia capolista. L’intenzione delle Titane era presentarsi a quell’appuntamento con un filotto di vittorie alle spalle che possano permettere di rimettere in discussione la corsa alla promozione. Si rivedono dal primo minuto Montanari, Montalti e Papaleo. A Bertolotti il compito di legare i reparti di centrocampo ed attacco; indisponibile Jansen – infortunatasi dopo 15 secondi a Como, dove l’olandese ha fatto in tempo anche a segnare. Quello col Pro Sesto è il secondo confronto stagionale, dopo la vittoria di misura a Cinisello Balsamo in Coppa Italia, che segnò il ritorno di Alain Conte sulla panchina della San Marino Academy.

Dopo un primo tempo piuttosto tattico e senza opportunità concrete, è la Pro Sesto a colpire al primo affondo. Il primo giro alla bandierina schiude il vantaggio ospite, con la traiettoria mancina di Grumelli a premiare il movimento sul secondo palo di Ploner. Uscita abbozzata di Montanari, tagliata fuori dalla giocata di prima dell’ala di Maria Macri che rimette al centro per il colpo di testa a porta vuota di Mariani. La San Marino Academy entra in partita con un colpevole ritardi di venti minuti, durante il quale la Pro Sesto non è stata a guardare. Progressivamente la squadra di Conte si mette al comando delle operazioni, facendosi vedere con Papaleo e Brambilla: in entrambi i casi, le conclusioni sono bloccate senza patemi da Ricciardi. Ben più ghiotta l’opportunità costruita da Barbieri su rimessa laterale di Martina Piazza: difesa magistrale del pallone che le permette di aggirare Melodia e proporre al centro dell’area piccola, dove Menin si muove bene ma calcia incredibilmente alto col mancino. Mani nei capelli per il capitano dell’Academy. Le Titane tornano a provarci poco prima della mezz’ora. Sugli sviluppi di una punizione, Fusar Poli propone al centro dove Venturini e Martina Piazza sono completamente sole: il difetto di comunicazione tra le due produce uno scontro alle soglie della porta di Ricciardi che, quasi incredulamente, vede il pallone rotolare comodamente verso i suoi guantoni. Ora l’Academy è padrona della patita e la Pro Sesto si limita a giocare di rimessa, peraltro con scarsa continuità. Le Titane fanno
vedere anche buone combinazioni, come quella tra Barbieri e Papaleo che porta quest’ultima, dopo un triangolo in velocità, a scegliere il pallonetto davanti a Ricciardi. Soluzione che termina di un soffio alto. Un successivo errore di Martina Piazza schiude le porte dell’area di rigore a Fracas, su cui piomba il rischio ma efficace intervento in scivolata di Fusar Poli, che tarpa sul nascere la percussione della mezz’ala ospite. Le lombarde si fanno vedere anche poco dopo con un tentativo dal limite di Marasco, abbrancato facilmente da Montanari. L’Academy è però decisamente mutata rispetto alla prima metà di frazione ed al 42’ si concretizza il meritato pareggio. Brambilla recupera palla sulla trequarti difensiva e Marrone mette le ali a Menin, che si allunga il pallone alle
spalle di Martina Tugnoli, resistendo anche al tentativo di fallo tattico di quest’ultima. Puntuale il cross sul primo palo di Barbieri, che anticipa l’uscita bassa di Ricciardi per aggirare due volte il portiere – mandandolo a vuoto sulla finta – e depositare in fondo al sacco, facendo passare il pallone tra il palo e Dellacqua, accorsa in chiusura. È l’ultimo acuto del primo tempo, che termina in perfetta parità.

Al ritorno in campo c’è Massa per Papaleo e sugli sviluppi del secondo di due corner consecutivi, la San Marino Academy sfiora il ribaltone. Brambilla va al centro per Venturini, Ricciardi non trattiene in mischia e Barbieri arriva a calciare da breve distanza, trovando la traversa dopo il tocco con la punta delle dita del portiere avversario. Arriva però anche il fischio di Giordani, a sanzionare un fallo in attacco di Venturini ai danni di Melodia. Le Titane inseguono senza sosta il gol-vittoria, che pure sarebbe arrivato al 59’ sull’asse Massa-Barbieri. La bomber dell’Academy incorna di testa sul palo più lontano, salvo vedersi strozzare in gol l’urlo liberatorio per via della segnalazione di Nicola Di Meo, che rileva la posizione irregolare di Massa. La stessa attaccante, che compirà 20 anni giovedì prossimo, si fa vedere al 61’ con un mancino potente ma troppo centrale per far male a Ricciardi. L’estremo ospite è poi attento sul colpo di testa di Barbieri al 72’, salvo mettersi in difficoltà da sola tre minuti più tardi quando, posticipando il rilancio sulla pressione di Menin, viene a contrasto col capitano sammarinese che in scivolata sfiora il clamoroso vantaggio. Sulla ripartenza lombarda, Leonessi arriva a calciare da posizione defilata, ma piuttosto ghiotta, trovando la provvidenziale deviazione coi polpastrelli di Montanari. Con la partita agli sgoccioli, l’Academy si sbilancia alla ricerca di tre punti fondamentali: condizione che permette alla Pro Sesto di farsi vedere con più continuità nella metà campo avversaria. Fronte sammarinese, ci prova Kuenrath dalla distanza, ma Ricciardi non ha difficoltà nel bloccare il destro centrale. Negli ultimi cinque minuti più recupero, Conte inserisce Baldini per Fusar Poli, lanciando l’assalto finale. Nei fatti, purtroppo, le Titane non producono occasioni di rilievo e dopo un sostanzioso recupero – concesso da Giordani per le numerose interruzioni a causa di infortuni e sostituzioni – la Academy si trova a dover fare i conti con gli effetti di un primo tempo giocato solo a metà, nel quale la Pro Sesto ha trovato il gol che permette alle ragazze di Macri di far ritorno a casa con un prezioso punto in ottica salvezza. Sul mancino di Massa l’ultimissima opportunità, ma il tiro al volo su assist di Barbieri – benché da posizione più che favorevole – risulta debole e strozzato.

Ufficio Stampa San Marino Academy