Indietro
domenica 29 maggio 2022
menu
Basket C Silver

Titans giovedì sera ad Acqualagna per il recupero della 4a di ritorno

In foto: Simone Porcarelli
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 9 feb 2022 12:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Torna a giocare la Pallacanestro Titano e adesso è veramente uno sprint da affrontare a tutta velocità. Domani sera, giovedì 10 febbraio, Macina e compagni saranno impegnati ad Acqualagna per il recupero della quarta giornata di ritorno (palla a due alle 20.30). Poi, domenica 13, sarà la volta della trasferta di Pesaro in casa del Loreto. Infine, per chiudere questa prima fase, il recupero del match casalingo con Montemarciano saltato domenica scorsa: la gara è stata fissata per mercoledì 16 alle 21, sempre al Multieventi. Tre partite in sette giorni per definire la classifica in vista della seconda fase e capire da che posizione i Titans affronteranno la seconda.

Coach, come avete preso l’ultimo rinvio?
“Non siamo certo contenti, sia per le tempistiche e sia per quello che ne è scaturito. Ci avrebbe fatto piacere giocare, chiaramente. Da tre partite in dieci giorni ci troveremo a doverne giocare tre in sette, oggettivamente diverso. Cambiano equilibri e dinamiche e mi chiedo, a proposito di protocolli da rispettare, cosa succederà con qualche situazione analoga a ridosso della chiusura della prima fase. Ci si comporterà alla stessa maniera?”

Il tour de force comincia dalla trasferta di Acqualagna. Come vede i vostri prossimi avversari?
“Acqualagna non ha ottenuto vittorie nel girone di ritorno, ma è squadra con buone individualità che sanno essere pericolose. Hanno il totem Barantani, che da quando ha ripreso offre sempre buone garanzie e trascina la squadra. Lui, Conti e Mancinelli possono mettere il bastone tra le ruote a tante squadre, quindi bisognerà stare molto attenti, tanto più che giochiamo in trasferta e Acqualagna vorrà certamente difendere il campo amico. Questo lo dobbiamo sapere, nessuno ci regalerà niente”.