Indietro
domenica 3 marzo 2024
menu
Ginnastica Artistica Femminile

La Ginnastica Riccione è pronta al suo secondo campionato di Serie A2

In foto: Caterina Cereghetti
Caterina Cereghetti
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 28 ott 2021 16:54 ~ ultimo agg. 29 ott 21:08
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

È stato ufficializzato il calendario del Campionato Italiano di Serie A 2022 F.G.I. di Ginnastica Artistica Femminile, che vedrà la partecipazione, per il secondo anno, della Ginnastica Riccione. Si partirà il 12 febbraio a Firenze, seconda tappa a Torino il 12 marzo, terza il 23 aprile a Napoli ed eventuale quarta il 22 maggio ancora a Napoli.

“Siamo onorati di affrontare il nostro secondo campionato di serie A2 – attacca Francesco Poesio, presidente dell’ASD Ginnastica Riccione -. Se penso che a fine 2019 eravamo ancora in Serie C mi viene in mente tutta la strada percorsa in questi ultimi anni. La scorsa primavera, all’esordio in A2, nonostante il Covid abbia “colpito duramente” la nostra squadra, abbiamo chiuso con un ottimo sesto posto, a soli 1,20 punti dai play off promozione. Quest’anno ci presentiamo ai nastri di partenza con la convinzione di essere cresciuti ulteriormente e la voglia di fare un bellissimo campionato”.

Le squadre che termineranno nelle prime due posizioni saranno promosse direttamente in A1, terza, quarta e quinta classificate cercheranno un posto in paradiso passando dai play off.
“Il nostro obiettivo – continua il numero uno della Ginnastica Riccione – è di arrivare tra le prime cinque, ma non ci precludiamo niente. Le nostre ragazze stanno crescendo molto dal punto di vista tecnico: quest’anno abbiamo inserito in squadra una campionessa di caratura internazionale come Anastasiia Bachynska, che eleverà ulteriormente il nostro livello tecnico e aiuterà le ginnaste del nostro vivaio a crescere. E a gennaio annunceremo un altro rinforzo”.

Pochi giorni fa in Giappone Asia D’Amato si è laureata vicecampionessa del Mondo al Volteggio. L’azzurra “frequenta” la palestra della Ginnastica Riccione ormai da anni insieme alle compagne di Nazionale in occasione dell’ormai tradizionale collegiale estivo.
“Sono molto contento per Asia – è sempre Poesio a parlare -. Queste ragazze le sentiamo anche un po’ nostre perché sono quattro anni che vengono a preparare questi grandi eventi da noi. E devo dire che Riccione porta loro fortuna: Giorgia Villa nel 2018 a Buenos Aires si è laureata campionessa olimpica giovanile, nel 2019 la squadra azzurra ha chiuso al terzo posto i Mondiali di Stoccarda, risultato che mancava da ben 69 anni, e quest’anno ha centrato un eccezionale quarto posto alle Olimpiadi di Tokyo 2020, a soli quattro decimi dal podio, oltre a conquistare lo storico argento al Corpo Libero con Vanessa Ferrari, venuta l’anno scorso al collegiale di Riccione. Con Asia, così come con le altre ragazze che sono nel giro azzurro da diversi anni, si è creato nel tempo anche un rapporto affettivo perché durante i loro allenamenti “riccionesi” condividiamo tanti bei momenti”.

Come stanno andando i campionati Gold di Ginnastica Artistica per la Ginnastica Riccione?
“È il primo anno che partecipiamo ad un campionato Allieve Gold. Nella seconda gara, disputata a Rimini, le nostre bambine, pur essendo tra le più piccole, hanno fatto registrare il più alto incremento nel punteggio (nove punti) rispetto alla prima gara e hanno centrato la qualificazione alla zona tecnica, qualificante a sua volta per le finali nazionali. Comunque andrà a finire siamo già soddisfatti per l’atteggiamento delle nostre giovanissime ginnaste e per la loro crescita costante. Abbiamo partecipato anche alla prima gara del campionato individuale Gold Junior e Senior con cinque ginnaste: Beatrice Volpato, Sofia Solari, Adriana Poesio, Aurora Pilolla e Martina Becherucci, tutte e cinque sono andate a medaglia (14 quelle conquistate, ndr) a ulteriore conferma della cura con la quale viene portato avanti il lavoro in palestra. A questi livelli facciamo gareggiare solo le ragazze che sono pronte: non ci interessa fare numero, privilegiamo la qualità”.