Indietro
menu
L'assassinio in via Coletti

In Corte d'Appello confermata la colpevolezza dell'omicida di Niang, ridotta la pena

In foto: i sopralluoghi della Polizia (Adriapress)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 25 giu 2021 12:57 ~ ultimo agg. 13:16
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Corte d’appello di Bologna ha stabilito una condanna a sedici anni nei confronti di Genard Llanaj, trentunenne albanese che nella notte tra il 17 e 18 aprile 2018 uccise con un colpo di pistola il giovane senegalese Makha Niang, seduto sulla panchina del ponte di via Coletti. In primo grado la condanna era stata di 18 anni.  La Corte ha confermato il verdetto di colpevolezza e l’omicidio volontario, riducendo di due anni la pena dai diciotto anni del primo grado per l’aspetto legato alla detenzione dell’arma da fuoco. Una nuova perizia ha confermato la parziale infermità mentale dell’uomo, che non ha mai dato una valida giustificazione per l’omicidio.