Indietro
mercoledì 20 ottobre 2021
menu
MotoGP

Eurosport Italia intervista Enea Bastianini, campione del mondo Moto2

In foto: Un momento dell'intervista
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 30 apr 2021 13:20
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Eurosport Italia intervista Enea Bastianini, campione del mondo Moto2 in carica e pilota alla prima stagione in MotoGP con il team Ducati Avintia Esponsorama, alla vigilia della quarta gara del mondiale a Jerez de la Frontera.

Le sue principali dichiarazioni.

Ducati e l’ambientamento alla MotoGP. “Mi sto adattando sempre di più, la Ducati è una moto bella complicata, non è stato facile immediatamente prenderci le misure. 18 punti dopo 3 gare? Ci speravo di partire con questi risultati, anche se finché non lo fai non lo puoi sapere, abbiamo fatto dei buoni risultati e voglio continuare così e far sempre meglio. Per ora il mio tallone d’Achille è la qualifica perché non riusciamo a fare un giro veramente veloce, devo capire il limite della gomma e come farla funzionare solo per un giro. Anche la partenza devo migliorare perché è una fase molto importante che non sono riuscito a fare nel migliore dei modi e in MotoGP è determinante perché poi recuperare partendo da dietro non è facile”.

Valentino Rossi. “Non me lo sarei mai immaginato di correre con Valentino, pensavo smettesse prima invece ha tanta forza di volontà è veloce e fa effetto vederlo ancora in MotoGP. In Portogallo ho avuto modo di studiarlo un po’ più da vicino, avendo fatto metà gara insieme poi dopo si è steso ma guidava bene, andava forte”.

La prima volta sulla Ducati Desmosedici. “La prima volta non la dimenticherò mai non mi aspettavo così tanta potenza, è veramente veloce, il cambio è incredibile, è tutto incredibile: la potenza del freno, insomma è un mondo a parte. Poi quando ci entri nel dettaglio e capisci come far funzionare tutto ti rendi conto che ci vuole tempo ma mi sono divertito sin dalla prima uscita e non mi sembra vero”.

L’abbraccio con Paolo Simoncelli in aeroporto a Valencia dopo il mondiale, il Sic e l’essere romagnolo. “Il giorno in cui mi sono laureato campione del mondo è stato incredibile, un’esplosione di emozioni continua. Abbracciare Paolo è stato strano, perché è una cosa che ha provato anche lui per suo figlio e, quindi, cosa c’è di più no… Soprattutto è il fatto di essere romagnoli, io mi reputo diverso a livello umano, abbiamo qualcosa di diverso da tutte le altre persone, siamo un po’ particolari. Cosa penso del Sic? Era un grandissimo pilota, sarebbe stato bello poterlo incontrare in MotoGP e credo che a questo punto sarebbe pluricampione del mondo”.

L’INTERVISTA VIDEO

Altre notizie
di Icaro Sport
FOTO
di Roberto Bonfantini
VIDEO
Notizie correlate
di Roberto Bonfantini   
VIDEO
di Roberto Bonfantini   
FOTO
di Icaro Sport   
VIDEO