Indietro
domenica 20 giugno 2021
menu
Il dopogara

Bernardi commenta la sconfitta di RBR a Firenze: "Siamo molto arrabbiati"

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 25 mar 2021 01:01
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le dichiarazioni del coach di RivieraBanca Basket Rimini, Massimo Bernardi, dopo la sconfitta di RBR al PalaCoverciano di Firenze dopo un supplementare (83-79).

“Mi dispiace per i ragazzi, per l’abnegazione che ci hanno messo: ci hanno creduto con spirito, abbiamo quasi vinto la partita. Siamo stati ingenui nella difesa durante il supplementare, eravamo sopra di quattro punti ed abbiamo colpevolmente lasciato liberi i loro tiratori: hanno fatto quattro canestri da tre punti quando nell’arco dei quattro quarti avevano tirato con 4/24, quello ha fatto la differenza. Siamo molto arrabbiati, ma anche lucidi sulla nostra situazione: stiamo facendo tutto al limite delle nostre possibilità, questa sera eravamo anche senza Ambrosin e Rossi ha fatto appena un allenamento dopo tre settimane a casa. Mladenov è stato molto bravo dopo 50 giorni senza giocare una partita, è andato oltre ai suoi limiti; Fumagalli ha sentito una botta al ginocchio ed alla fine non era in campo mentre Simoncelli è stato eroico a rimanere in campo nonostante avesse una coscia molto gonfia a seguito di un colpo subito. Tutti i ragazzi sono stati encomiabili, dobbiamo soltanto stringerci ed avere compattezza sperando che gli infortunati possano rientrare al più presto e continuare come abbiamo giocato nel terzo e quarto quarto: quella è la strada giusta.”

Dopo un primo tempo sottotono i ragazzi hanno lottato con le unghie e con i denti anche in una situazione di emergenza.
“Da qui si riparte, non dobbiamo dimenticare le tre settimane in cui non abbiamo giocato: nei primi due quarti non eravamo in ritmo perché non ce l’abbiamo, basta guardare Faenza che ha perso cinque partite consecutivi dopo essere stata ferma tre settimane. Noi non vogliamo fare così, per fare diversamente dobbiamo giocare come alla fine dove abbiamo messo il cuore e siamo andati oltre i nostri limiti e possibilità. Purtroppo bisogna valutare ancora i ragazzi che non stanno bene: la botta di Simoncelli, il ginocchio di Fumagalli, non abbiamo Ambrosin e Bedetti. Noi mettiamo il 200%, ma non ho mai vissuto una situazione così: sembra un lazzaretto, non una squadra.”

RivieraBanca Basket Rimini tornerà in campo domenica 28 marzo alle ore 18:00 al Flaminio per il big match contro la capolista San Giobbe Chiusi, terza giornata del girone A.

Ufficio Stampa
RivieraBanca Basket Rimini

Altre notizie
di Icaro Sport
di Roberto Bonfantini
VIDEO
Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.