Indietro
menu
Cittadinanza

A testa alta per le strade di Kibera

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 5 minuti
lun 15 mar 2021 11:24 ~ ultimo agg. 22 mar 15:42
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 5 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ partita simbolicamente lunedì 8 marzo la campagna “A testa alta per le strade di Kibera” dell’associazione Cittadinanza Onlus, che va a sostegno delle mamme con i bambini disabili della baraccopoli di Nairobi, in Kenya. L’associazione Cittadinanza Onlus, fondata nel 1999 da Maurizio Focchi opera in Kenya dal 2008, prendendosi cura degli “ultimi degli ultimi”, ossia quei bambini con disabilità che vivono un contesto di estrema povertà come la baraccopoli di Kibera.

Al centro Paolo’s Home,oltre a servizi essenziali per la riabilitazione fisica e cognitiva dei bambini (quali ad esempio visite mediche, fisioterapia, logopedia, percorsi educativi individualizzati e programma alimentare) si investe anche sull’inclusione sociale all’interno di scuole e comunità circostante.
In particolare, per le mamme dei bambini, spesso sole e vittime di stigma ed emarginazione per un forte pregiudizio nei confronti della disabilità, viene costruito un percorso di accompagnamento e supporto psicologico, oltre alle attività di formazione,empowerment femminile e di gruppo di risparmio.

Perché è importante rimanere al fianco di queste mamme?

A Kibera, nella baraccopoli di Nairobi, le mamme che hanno bambini con problematiche e disabilità si trovano improvvisamente lasciate a sé stesse, spesso con altri bambini a carico, senza alcuna fonte di reddito, abbandonate dal compagno, dalla loro famiglia e dall’intera comunità.

Quali sono le motivazioni di questo improvviso isolamento che subiscono?

Nella baraccopoli, dove si lotta per la sopravvivenza, non è facile capire perché un bambino nasca con problematiche o sviluppi in seguito una disabilità, perché si comporti in modo così insolito o strano. Molte delle persone vivono in una situazione di grande povertà, senza avere accesso alle risorse fondamentali nè tantomeno alle informazioni per comprendere che esistono cause scientifiche. Allora la superstizione prende il sopravvento.

La madre diventa “una poco di buono, che sicuramente ha fatto qualcosa di sbagliato”, unica colpevole di quello che le è capitato e suo figlio “una punizione divina per qualche errore commesso”. Entrambi maledetti, contagiosi, da evitare.

Puoi farci un’esempio di storie o situazioni che gli operatori del centro Paolo’s Home incontrano ogni giorno?
Eccone una. Questa è la testimonianza di Mama Naj (i nomi delle bambine sono stati cambiati con nomi di fantasia)

mamme kibera - cittadinanzaLa testimonianza di Mama Naj

Non so da dove cominciare. Al centro mi chiamano Mama Naj o Mama Sara, a seconda di come capita, visto che sono mamma sia di Naja, che di Sarah, le mie due gemelle. Cosa posso dire? Amo le mie bambine. Le amo anche quando vado a prenderle a Paolo’s Home e Naja mi corre incontro, ma poi inizia a colpirmi e a mordermi.

Al centro ho capito che dipende dalla sua condizione. Mi hanno spiegato che ha un ritardo e un problema che si chiama autismo e quando lo staff ci ha accompagnato a una visita ci hanno anche detto che è sorda. Spesso la devo bloccare perchè rischia di farsi del male, cerca gli angoli delle stanze come a volersi rintanare ma poi spesso inizia a colpire il muro con la testa. Allora corro e la blocco.Sarah è diversa, lei quando arrivo non mi guarda e continua a giocare. Anche questo mi fa soffrire. Altre volte invece si agita molto. Anche lei ha l’autismo e un disturbo delle emozioni. Non so come farei senza Paolo’s Home.

Quando son arrivata, mi son sentita accolta come non mi sentivo da tanto tempo. Ho deciso di lasciare mio marito, perché era violento e abusava di me. Mio marito dice che le gemelle non son le sue, perché son più chiare rispetto a lui e son disabili. I disabili non son ben visti qui. La mattina vado a casa di mio marito per preparare le gemelle e gli altri bambini e loro le porto al centro, poi torno la sera per preparare la cena e metterli a dormire. Paolo’s Home mi aiuta molto.

Quando son arrivata, mi son sentita accolta e accettata. Le bambine sono seguite e i colloqui con Marion (la counselor) mi fanno bene, mi fanno sentire più forte. Ho conosciuto altre mamme come me, con cui ci aiutiamo a vicenda e ora mi sento molto meno sola. So più cose sulla disabilità e su come gestire le bambine. La maestra Carole dice che forse tra un po’ possiam trovare una scuola che le accolga. Speriamo“.

Cosa è possibile fare per dare una mano?
“Si può sostenere la raccolta fondi “A testa alta per le strade di Kibera”.

L’abbiamo intitolata così, ricordandoci le parole della nostra volontaria in loco Bruna Sironi, con alle spalle 20 anni di cooperazione in Africa, parlando della marcia che avviene ogni anno il 3 dicembre presso le strade della baraccopoli, in occasione della giornata internazionale delle persone con disabilità.

“La marcia per i diritti dei disabili è un momento che mi emoziona tantissimo, le mamme sono lì con i loro bambini e camminano a testa alta, ci mettono la faccia, mostrano la loro dignità davanti alla comunità che le ha escluse ed emarginate” (Bruna Sironi, volontaria in loco di Cittadinanza).

Perchè attraverso il supporto psicologico, il percorso di accompagnamento e il lavoro sulla comunità possano riprendersi i propri diritti e la propria dignità di fronte alla comunità.

I fondi raccolti andranno a sostenere e completare, per l’intero anno 2021:

il percorso di supporto psicologico al centro e a domicilio, fondamentale per accompagnare ogni madre fuori dall’abisso del senso di colpa generato dal pregiudizio e dall’emarginazione.

il programma di mentor mothers che offre la possibilità ad ogni madre del centro Paolo’s Home di essere coinvolta a rotazione nel programma di pulizie e preparazione dei pasti al centro diurno. Questo permette alle madri di avere una piccola fonte di reddito senza generare dipendenza e consentendogli di partecipare pienamente alla vita del centro e al percorso dei loro figli

il lavoro fondamentale e costante di informazione, formazione e sensibilizzazione sulla comunità circostante, affinchè le persone possano finalmente considerare madri e bambini parte della comunità, fuori da ogni emarginazione e isolamento (attraverso incontri, sensibilizzazione porta a porta, programmi radio, materiale informativo e divulgativo, marcia del 3 dicembre


Come mai anche il lavoro sulla comunità?

E’ fondamentale. Come cita un proverbio africano “Se vuoi educare un uomo, educa un bambino. Se vuoi educare un villaggio, educa una donna”. Aiutare una madre come Mama Naj significa aprire nuovi orizzonti nella sua vita e nella vita del suo bimbo o della sua bimba con disabilità, ma non solo. La madre comprende le reali cause della disabilità (molto spesso anche legate alle condizioni in cui è avvenuto il parto o a infezioni nei primi anni di vita del bimbo/a) e come aiutare il proprio figlio/a a raggiungere autonomie e capacità ma è fondamentale sensibilizzare la comunità,significa aiutare le altre persone a comprendere che i bambini con disabilità hanno diritti al pari degli altri e che la disabilità può avere molte cause, per le quali né le madri, né tantomeno i bambini vanno colpevolizzati.


Significa costruire un futuro che veda le madri e i loro piccoli valorizzati, consapevoli e finalmente parte di una comunità che li accolga e non li lasci indietro.

Si può sostenere la raccolta:

andando sul sito della raccolta a questo indirizzo https://buonacausa.org/cause/a-testa-alta-per-le-strade-di-kibera e donando attraverso carta di credito, paypal o bonifico

-alle seguenti coordinate: IT 23 R 06230 24236 000030007954

-Donando a Cittadinanza Onlus su Satispay

Per maggiori info sui progetti di Cittadinanza, puoi seguire la newsletter dell’associazione: http://eepurl.com/gm8az5, visita il sito www.cittadinanza.org o chiama il 3425695222

Notizie correlate
Meteo Rimini
booked.net