Indietro
menu
Privato inadempiente

Urbanizzazione a Tombanuova procede l'iter. Accolte osservazioni dei residenti

In foto: l'area Tombanuova
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 20 gen 2021 12:47 ~ ultimo agg. 12:52
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Procede l’iter per la realizzazione delle opere di urbanizzazione previste dal piano particolareggiato di Tombanuova a Rimini, dove l’Amministrazione Comunale si fa carico degli interventi in sostituzione del soggetto attuatore inadempiente. Un progetto che prosegue in relazione con chi vive nella zona: l’assessore alla pianificazione del territorio Roberta Frisoni ha incontrato ieri una delegazione dei residenti di Tombanuova e l’amministratore del condominio presente nell’area interessata dal piano particolareggiato, per confrontarsi in merito alle osservazioni presentate al progetto di opera pubblica.

Il progetto prevede la costruzione del collegamento viario tra via Bartali e via Corciano (via Casartelli) dove sono già presenti i sottoservizi. Oltre al completamento della rete viaria e delle asfaltature, si realizzerà un nuovo parcheggio in via Coppi oltre a portare a termine quello già parzialmente realizzato in via Corciano. L’area verde vicina all’abitato sarà completata con la piantumazione di alberature ed arbusti, con la costruzione con l’impianto di irrigazione, del camminamento, dell’illuminazione pubblica e sarà dotata di arredi e giochi bimbi.

Così come avvenuto negli altri casi in cui il Comune si è sostituito al privato inadempiente – una ventina negli ultimi anni, tra cui via Amati a Viserba, via dei Mulini a Spadarolo,  via Tristano e Isotta in zona Padulli, fino alla “Casa del Volley” a Villaggio Primo Maggio – l’Amministrazione ha escusso la polizza fideiussoria, ma non ha la disponibilità immediata delle aree in quanto gravate da ipoteca. Per liberare le aree da ipoteca è stato arrivato un procedimento unico art. 53 con l’obiettivo di espropriare i terreni necessari senza alcun costo per l’amministrazione, dal momento che si tratta di aree per le quali era dovuta la cessione al Comune.

Le osservazioni presentate dai residenti – che riguardavano la richiesta di comprendere tra le aree da espropriare anche un’altra porzione di terreno da riqualificare, oltre alla sistemazione della viabilità di accesso al condominio e ad una diversa collocazione delle isole ecologiche – sono state recepite in toto dall’Amministrazione, che ha fornito tutti i dettagli dell’intervento in programma dal valore complessivo di 576.000 euro.

L’obiettivo dell’amministrazione è di portare entro il mese di marzo il voto del consiglio comunale per la delibera del procedimento unico, per consentire poi di procedere alla fase espropriativa e all’avvio delle opere pubbliche che si prevede di realizzare nella seconda metà del 2021.  

Notizie correlate
di Icaro Sport