Indietro
giovedì 22 ottobre 2020
menu
La maratona in carrozzina

Presentato il Progetto Spingitori di Carrozzelle Rimini Marathon

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 3 ott 2020 10:45 ~ ultimo agg. 4 ott 12:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Presentato questa mattina (sabato), nella splendida cornice della Sala del Giudizio del Museo di Rimini, il Progetto Spingitori di Carrozzelle Rimini Marathon con la prima uscita ufficiale delle nuove carrozzelle acquistate grazie ad una sinergia tra Rimini Marathon, A.S.D. Esplora (Associazione di Promozione Sociale), Onlus e privati.

Il Progetto “Spingitori di Carrozzelle” nasce con la prima edizione della Rimini Marathon nel 2014, avente come interesse principale quello della inclusione cioè regalare una maratona a chi non può correrla. Già dal primo anno l’idea è stata quella di creare un vero e proprio raduno nazionale con “squadre” provenienti da tutta Italia a riprova della voglia di portare al traguardo il proprio atleta speciale.

La Rimini Marathon nel progetto inclusivo ha sia dall’inizio voluto che fossero gli spingitori ad aprire la gara regina partendo per primi; inoltre si è voluto anche dare una colonna sonora a tale iniziativa con la canzone “Ruote sui miei passi” composta e cantata da Vigù artista bolognese.

Nel corso delle sei edizioni della Rimini Marathon il numero dei partecipanti al raduno è sempre cresciuto con nel 2019 quasi 40 carrozzelle e relativi team.

Sull’onda del aumento delle presenze di carrozzelle, Rimini Marathon ha deciso di fare un ulteriore passo avanti; nello specifico da un’idea legata al raduno degli spingitori sono nate delle iniziative private dove Rimini Marathon come chioccia aiuta nella realizzazione di tali progetti tramite il nostro evento.

L’obiettivo che lega tutti i progetti è quello dell’acquisto di carrozzelle “da gara” da regalare a chi non ne ha disponibilità e a tale chiamata hanno risposto positivamente realtà del territorio sia sociali sia aziendali.

Infatti hanno preso parte e contribuito all’acquisto di cinque carrozzelle Rimini For Mutoko, Fondazione Carim (queste prime due con un contributo importante), Rimini Marathon, Club 41 Rimini, Club 41 Riccione, BPER Banca Rimini, Grafik Art; in più tutti i donatori partecipanti alla raccolta fondi promossa da Ilaria Carbellotti per l’acquisto di una Joelette.

Attualmente hanno beneficiato del progetto il gruppo AMARCORD e il gruppo Amici di Fabrizio con Fabrizio Casadei, pioniere già nel 2013 alla Maratona di Verona.

Per ogni informazione relativa alle modalità delle donazioni inviare una mail a info@riminimarathon.it.